E' morta Italia Napoli, la voce storica dell'Opera dei pupi catanesi

E stata la matriarca di una stirpe di pupari che ha profondamente segnato e continua a segnare la cultura catanese

La foto di Italia Napoli pubblicata su Facebook da Davide Napoli

"Se ne va la voce delle eroine dell'Opera dei pupi". Così il sindaco di Catania Enzo Bianco ha commentato la notizia della scomparsa di Italia Chiesa Napoli, "parratrici" della Marionettistica dei Fratelli Napoli, una delle più note e apprezzate compagnie di pupari che, fondata nel 1921, è oggi diretta da suo figlio, Fiorenzo Napoli.

Nell'Opera dei pupi, "parratrici" e "parraturi" danno la voce ai personaggi, mentre i "manianti" li animano sulla scena, "Italia Napoli - ha detto Bianco - è stata la matriarca di una stirpe di pupari che ha profondamente segnato e continua a segnare la cultura catanese, rappresentando un'eccellenza riconosciuta a livello internazionale. Ed è stata anche una donna gentile, un'autentica signora. Per questo la città le rende onore e presto la ricorderemo in occasione dell'apertura del teatro dell'Opera nelle Ciminiere di Catania".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • mi dispiace tantissimo

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Minaccia di buttarsi dalla scogliera del lungomare, salvato dalla polizia

  • Cronaca

    Ordine dei Medici, Francesca Catalano verso la presidenza

  • Cronaca

    Telecamera nascosta nei bagni di una scuola, denunciato per pedopornografia

  • Cronaca

    Minaccia di morte la moglie, settantenne arrestato dai carabinieri

I più letti della settimana

  • Tragedia a Paternò, sterminata famiglia con due bambini piccoli: ipotesi omicidio-suicidio

  • Tragedia a Paternò, uccide la moglie e i due figli: poi si suicida

  • La storia di Sebastiano e del suo "papà coraggio" volato a Sydney per salvarlo

  • Incidente mortale a Piano Tavola, perde la vita un 27enne di Paternò

  • Forte esplosione a Librino, in una palazzina di viale Nitta: intervento dei vigili del fuoco

  • Gli arresti della squadra mobile per spaccio, estorsione e truffa

Torna su
CataniaToday è in caricamento