Multiservizi: insulti al sindaco su Facebook

Il sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli e i vertici aziendali della Multiservizi, sono stati oggetto di pesanti insulti intimidatori sul profilo Facebook denominato "Catania Multiservizi"

Il sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli e i vertici aziendali della Multiservizi, sono stati oggetto di pesanti insulti intimidatori sul profilo Facebook denominato "Catania Multiservizi". A scatenare le minacce, il trasferimento dei 179 lavoratori dalla Multiservizi all'impresa Dussman che si è aggiudicata l'appalto per la pulizia dei plessi scolastici.

Gli insulti sul social network, si aggiungono alla lunga lista di proteste messa in atto dai lavoratori della Multiservizi che si sentono abbandonati dalle Istituzioni e non accettano di firmare per essere trasferiti alla Dussmann. Qualche giorno fa, hanno inscenato una sorta di vendita di frutta e verdura in piazza Duomo, al grido di "Siamo ridotti così", bloccando il traffico della città.

In merito all'episodio di Facebook, il sindaco e i vertici aziendali della Multiservizi produrranno esposto alle autorità competenti. Stancanelli non ha voluto commentare l'accaduto, limitandosi ad affermare:«Proseguiamo nel nostro impegno per la legalità e il risanamento del Comune di Catania e della sue aziende. Abbiamo sempre agito nell'interesse generale e continueremo a farlo, non lasciandoci condizionare minimamente neanche stavolta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia dei carabinieri, 38 arresti: nuovo colpo al clan Santapaola-Ercolano

  • In manette i "broker" della droga sotto il segno del Malpassotu e dei Santapaola

  • Lido "Le Capannine", armi e stupefacenti nei bungalow: arrestato Salvatore Raciti

  • Incidente stradale nell'incrocio tra via Umberto e via Musumeci: passeggino travolto da una macchina

  • Blitz antimafia contro Cosa nostra etnea, i nomi degli arrestati

  • Violati i sigilli al laboratorio dell'Etoile d'Or: nuova ispezione e chiusura del bar

Torna su
CataniaToday è in caricamento