Muore 31enne al Cannizzaro, i medici: "Forse complicanza post-influenzale"

"Dai recenti episodi di aritmia riferiti dai parenti in anamnesi, non può escludersi una complicanza miocarditica post-influenzale", spiegano dall'ospedale

La giovane Emanuela Pulvirenti, 31enne di Giarre, è morta nei locali dell'ospedale Cannizzaro di Catania. Come rende noto il presidio sanitario "la giovane ha subìto un arresto cardiaco presso il proprio domicilio nella notte tra domenica e lunedì".

"Allertata l’ambulanza del 118, il personale sanitario, verificato l’arresto, procedeva a massaggio cardio-polmonare protrattosi fino al Pronto Soccorso dell’ospedale Cannizzaro - scrivono i medici - Tuttavia la ragazza, pur riprendendo il battito, giungeva in Pronto soccorso in midriasi e veniva immediatamente trasferita in Rianimazione dove, dopo poche ore, decedeva".

"La paziente - concludono - di recente era stata colpita da una sindrome influenzale dalla quale sembrava guarita. Dai recenti episodi di aritmia riferiti dai parenti in anamnesi, non può escludersi una complicanza miocarditica post-influenzale".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Migranti, nave Diciotti ormeggiata a Catania ma nessuno sbarco

  • Politica

    Consiglio, l'ex presidente Francesca Raciti fa gli auguri a Castiglione

  • Cronaca

    Calcio Catania, Pogliese dà mandato ai legali comunali di costituirsi al Tar

  • Cronaca

    Asp, il Codacons presenta un esposto sui premi ai direttori

I più letti della settimana

  • Incidente stradale ad Aci Bonaccorsi, scontro tra scooter e auto: morto un 18enne

  • Temporale di Ferragosto, pioggia e grandine a Catania e provincia

  • Vigile del fuoco catanese scrive al ministro Toninelli: "Catania è uno dei territori più a rischio"

  • Post Ferragosto, la spiaggia di Mascali è sommersa dai rifiuti

  • "Mi hanno rubato la carta di credito a Los Angeles": catanese denunciato

  • Catanese condannato all'ergastolo ottiene la libertà condizionale

Torna su
CataniaToday è in caricamento