Omicidio Stefania Noce, ergastolo all'ex fidanzato Loris Gagliano

La sentenza è stata emessa dal Gup di Caltagirone, Marcello Gennaro, davanti al quale il procedimento si è celebrato col rito abbreviato, accogliendo le richieste del procuratore capo Francesco Paolo Giordano, e dalla parti civili, presenti in aula con l'avvocato Enzo Trantino

E' stato condannato all'ergastolo Loris Gagliano, il 26enne che in preda ad un raptus di gelosia, il 27 dicembre 2011, ha ucciso a coltellate la sua ragazza, Stefania Noce, sua coetanea, il nonno della giovane, Paolo Miano, di 71, e ferito in maniera non grave la moglie di quest'ultimo, Gaetana Ballirò, di 72 anni.

La sentenza è stata emessa dal Gup di Caltagirone, Marcello Gennaro, davanti al quale il procedimento si è celebrato col rito abbreviato, accogliendo le richieste del procuratore capo Francesco Paolo Giordano, e dalla parti civili, presenti in aula con l'avvocato Enzo Trantino.

Teatro della sanguinosa vicenda Licodia Eubea, un paesino del Catanese. Gagliano subito dopo il duplice omicidio si allontanò a bordo della sua Ford Ka, ma la fuga fu interrotta nel primo pomeriggio quando l'omicida fu bloccato sul lungomare di Acate, in provincia di Ragusa, con i vestiti ancora macchiati di sangue e nell'auto il coltello usato come arma. Ai carabinieri e al Gip confessò di essere l'autore del duplice omicidio, escludendo la premeditazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia dei carabinieri, 38 arresti: nuovo colpo al clan Santapaola-Ercolano

  • In manette i "broker" della droga sotto il segno del Malpassotu e dei Santapaola

  • Blitz antimafia contro Cosa nostra etnea, i nomi degli arrestati

  • Mafia dei Nebrodi e i rapporti con i Santapaola: arresti anche a Catania

  • Violati i sigilli al laboratorio dell'Etoile d'Or: nuova ispezione e chiusura del bar

  • Blatte e sporcizia nel laboratorio del bar "Etoile d'Or" di via Dusmet

Torna su
CataniaToday è in caricamento