Ospedale di Giarre, i sindaci chiedono immediato utilizzo della struttura per emergenza Covid-19

Nella struttura sono operative e funzionanti delle sale operatorie che possono essere immediatamente adibite a sale di terapia intensiva

Il Comitato dei sindaci del Distretto Sanitario di Giarre, composto da primi cittadini dei Comuni di Giarre, Riposto, Mascali, Fiumefreddo di Sicilia, Calatabiano, Piedimonte Etneo, Linguaglossa, Castiglione di Sicilia, Sant’Alfio, Milo hanno inviato stamane una nota al Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, all’Assessore Regionale Ruggero Razza e al Direttore Generale dell’ASP 3 Maurizio Lanza con la quale viene richiesto di tenere fortemente in considerazione sin da subito la possibilità di utilizzare i locali del P.O. di Giarre per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella comunicazione inviata, i sindaci del Distretto, nella consapevolezza che il territorio del distretto necessita di una struttura ospedaliera completa, sia per come già programmato dalla Regione Siciliana negli ultimi due anni al fine di una riapertura del pronto soccorso e all’attivazione di un ospedale di base, ma anche di ambienti da attrezzare alla terapia intensiva e a quant’altro necessario per impegnare la nostra struttura ospedaliera come luogo da utilizzare sin da subito anche per il trattamento degli utenti affetti da COVID-19 fanno presente che "l’utilizzo della grandissima struttura del P.O. di Giarre può assicurare ampi spazi per l’emergenza in atto sia per il ricovero sia per il soggiorno di persone da porre in isolamento, in sostituzione degli sforzi che l’Amministrazione Regionale sta operando nel ricercare struttura di accoglienza in ambito alberghiero e ricettivo in genere”, fermo restando che “gli ambienti adattati in situazione di emergenza potrebbero in ogni caso essere rifunzionalizzati al cessare della medesima secondo la destinazione ospedaliera prevista nel Piano Sanitario Regionale”. Proprio per tale motivo, conclude la nota, "i sindaci richiedono di tenere fortemente in considerazione sin da subito la possibilità di utilizzare i locali del P.O. di Giarre consapevoli che strumenti eccezionali permetteranno azioni tali da consentire il rapido reperimento delle risorse materiali ed umane necessari a predisporre i locali e garantirne il funzionamento in tempi ristretti e funzionali anche all'emergenza in essere”, sottolineando che “presso l'ospedale sono in atto operative e funzionanti delle sale operatorie che possono essere immediatamente adibite a sale di terapia intensiva”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

  • Corsa clandestina, il cavallo cade in un fossato e muore: 16 denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento