Pedara, perseguita e minaccia la ex in strada: arrestato 46enne

Non ha accettato la fine della relazione e l'ha perseguitata con ogni mezzo, fino a costringerla a cambiare casa

Un 46enne di Pedara è stato arrestato per atti persecutori dai carabinieri di Pedara. L'uomo non si era rassegnato alla fine della relazione con l'ex compagna, dalla quale era nata anche una figlia e ha iniziato a perseguitare la donna con ogni mezzo:  telefonate, sms, post su varie piattaforme social, confronti animati per strada. Il 21 novembre scorso, l'aggressore è stato arrestato dai militari mentre sotto casa della vittima, a San Pietro Clarenza, ha reclamato "attenzioni"  da parte della donna.

Sottoposto a misure alternative inerenti la libertà personale, con obbligo di dimora nel comune di residenza e presentazione alla polizia giudiziaria e anche divieto assoluto di comunicare con la vittima con mezzi telefonici e telematici, il 46enne ha continuato a perseguitare la donna, costringendola anche a cambiare residenza. L'episodio clou si è verificato ieri quando l'uomo, vicino la nuova casa della vittima a Mascalucia, l’ha affrontata per strada minacciandola apertamente. Sul posto sono intervenuti subito i carabinieri, chiamati dalla donna, per arrestare lo stalker che è stato relegato agli arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti

  • Allergia al nichel: sintomi e cibi da evitare

  • Estate: ogni quanto cambiare lenzuola ed asciugamani

  • Estate: piante da giardino e da terrazzo resistenti al caldo

  • Piscine interrate: modelli e costi di costruzione

I più letti della settimana

  • Bufera dopo gli insulti dei neomelodici etnei a Falcone e Borsellino, la Rai apre istruttoria

  • Movida, trovato un allevamento di cani in un ristorante del centro

  • Droga, ostaggi, pizzo e accordi tra clan: Mazzei sotto scacco

  • Arrestato spacciatore: i clienti lo chiamavano “Toretto” da “Fast and Furious”

  • Dentro la classe con gli scooter, due studenti 19enni denunciati

  • Allergia al nichel: sintomi e cibi da evitare

Torna su
CataniaToday è in caricamento