Non accetta la separazione dalla moglie e si dà fuoco: è in condizioni molto gravi

L'uomo è arrivato in elicottero. E' stato portato in ospedale dopo essere stato 'stabilizzato' da personale del 118. La prognosi è riservata

E' ricoverato in condizioni molto gravi nel reparto di rianimazione del centro grandi ustionati dell'ospedale Cannizzaro di Catania il pescatore di 34 anni che oggi pomeriggio si è dato fuoco forse per litigi maturati nel contesto familiare nel rione di Librino. L'uomo è arrivato in elicottero. E' stato portato in ospedale dopo essere stato 'stabilizzato' da personale del 118. La prognosi è riservata.

L'uomo si è appiccato il fuoco davanti all'abitazione dei suoi genitori. Il giorno prima sembra che avesse avuto un litigio con la moglie. Nel primo pomeriggio è andato a casa del padre per parlarne con lui.

Ma il genitore dormiva e ha detto a una sorella che sarebbe ripassato più tardi. Invece, appena sceso in strada si è cosparso di liquido infiammabile e poi si è dato fuoco. Sono stati i familiari a dargli i primi aiuti e a chiamare i soccorsi. Sul posto i carabinieri della stazione di Catania Librino.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Minaccia di buttarsi dalla scogliera del lungomare, salvato dalla polizia

  • Cronaca

    Ordine dei Medici, Francesca Catalano verso la presidenza

  • Cronaca

    Telecamera nascosta nei bagni di una scuola, denunciato per pedopornografia

  • Cronaca

    Minaccia di morte la moglie, settantenne arrestato dai carabinieri

I più letti della settimana

  • Tragedia a Paternò, sterminata famiglia con due bambini piccoli: ipotesi omicidio-suicidio

  • Tragedia a Paternò, uccide la moglie e i due figli: poi si suicida

  • La storia di Sebastiano e del suo "papà coraggio" volato a Sydney per salvarlo

  • Incidente mortale a Piano Tavola, perde la vita un 27enne di Paternò

  • Forte esplosione a Librino, in una palazzina di viale Nitta: intervento dei vigili del fuoco

  • Gli arresti della squadra mobile per spaccio, estorsione e truffa

Torna su
CataniaToday è in caricamento