Piazza Dante, tra parcheggio selvaggio e vandali: rubata la fontana

"Penso che la presenza di un vigile fisso, data la presenza dell'Università e dell'ospedale Santa Marta, non sia più rinviabile" dichiara il consigliere Davide Ruffino, che invita l'amministrazione a mobilitarsi per tutelare questa parte della città, frequentata da cittadini, studenti e turisti

"La piazza Dante continua ad essere utilizzata come un parcheggio, dove imperversano ogni giorno posteggiatori abusivi dietro ogni angolo. Diversi, inoltre, sono stati gli atti di vandalismo in questi anni, l'ultimo la scorsa settimana con il furto della preziosa fontana". Lo scenario della piazza Dante che emerge dalle poche parole del consigliere della prima circoscrizione, Davide Ruffino, descrive la situazione di una delle zone che rappresentano il cuore di Catania. A pochi passi dall'ex Monastero dei Benedettini e nei pressi dello storico quartiere Antico Corso, la piazza Dante si è tramutata con il tempo in un luogo adibito a parcheggio selvaggio  e, adesso, diventa persino preda di atti vandalici. Alcuni giorni fa, infatti, la fontana della piazza è stata letteralmente "tagliata" in due e rubata.

PIAZZA DANTE FOTO-2