Plaia, spiaggia libera da incubo tra rifiuti e amianto

La porzione di spiaggia libera accanto al lido tre gabbiani è stata trasformata in una discarica. A denunciarlo è Lungomare Liberato

 " Un mese fa, siamo stati nella spiaggia libera accanto il lido tre gabbiani trovando tantissimi rifiuti e documentando tutto. Oggi, siamo ripassati a vedere se era stata ripulita ma purtroppo, non solo non è stato fatto, ma abbiamo trovato uno scenario ancor più agghiacciante, una quantità di rifiuti incredibile in tutta la spiaggia, qui, proprio nel cuore della plaia! Un tempo, almeno in estate, queste spiagge venivano ripulite...adesso sono lasciate all'abbandono tutto l'anno. Siamo veramente disgustati da questa situazione che sta affossando sempre di più il turismo nella nostra amata città".  Con queste parole Lungomare Liberato dalla propria pagina facebook denuncia lo stato di un tratto di spiaggia libera della Plaia, vicino al lido tre gabbiani.

Non mancano bottiglie di plastica, vetro, pezzi di vecchi elettrodomestici in disuso, secchi, contenitori, comuni buste dell'immondizia, ma anche rifiuti edili, fra cui frammenti di eternit, che pare siano stati lasciati sul bagnasciuga da mesi. Una "cartolina" d'estate che non invoglia di certo cittadini e turisti a trascorrere una giornata al mare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale al viale Mario Rapisardi, scontro tra un camion e un'auto: morta una donna

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

  • Coronavirus, in Sicilia situazione stabile: scoperto un nuovo caso

Torna su
CataniaToday è in caricamento