Presentato il piano di mobilità e accessibilità per il centro storico

Un nuovo sistema viario con sensi unici, con un incremento dei percorsi riservati alle linee di autobus urbani che verranno aumentate, l'eliminazione delle intersezioni nelle direttrici del traffico veicolare

Un nuovo sistema viario con sensi unici nella zona di via Dusmet e via Vittorio Emanuele e delle relative vie limitrofe, con un incremento dei percorsi riservati alle linee di autobus urbani che verranno aumentate, l'eliminazione delle intersezioni nelle direttrici del traffico veicolare e il conseguente ampliamento delle aree pedonali, con particolare riferimento a piazza Duomo, unica area che sarà completamente interdetta al traffico privato. Sono le novità introdotte dal piano di mobilità che scatterà il 3 settembre, presentato dal sindaco di Catania Raffaele Stancanelli, con gli assessori alla viabilità Alberto Pasqua, alla Polizia Municipale Massimo Pesce, il presidente dell'Amt Roberto Sanfilippo, l'esperto per la mobilità Giacono Guglielmo e i tecnici comunali.

"È un piano curato in ogni dettaglio - spiega Stancanelli - che punta a valorizzare il nostro meraviglioso centro cittadino riportando quanti più cittadini a frequentare le attività commerciali di via Garibaldi, via Vittorio Emanuele e soprattutto del mercato storico della pescheria. Più autobus e limitazioni al traffico significa meno inquinamento e più possibilità per cittadini e turisti di potere apprezzare le bellezza della nostra città. È una scommessa che si fa forteanche del nostro orgoglio di catanesi, perchè collaborare a questa impostazione, analoga a quella di tante altre realtà italiane, significa contribuire a fare crescere e sviluppare la nostra città». Intento del piano è quello di eliminare il caos causato dalle intersezioni e fluidificare i flussi viari: questo spiega l’anello circolare Vittorio Emanuele – Porticello – Dusmet – Piazza dei Martiri con una corsia dedicata solamente per gli autobus urbani: «Catania - ha aggiunto il sindaco - finora non aveva nemmeno un centimetro di corsia protetta per i bus AMT, unico sistema che assicuri loro velocità e quindi rispetto degli orari, insomma puntualità: questi interventi, considerato anche che linee e frequenze verranno incrementate, garantiscono finalmente una migliore e più incisiva presenza di mezzi di trasporto urbano nel centro storico".

Un altro anello di fluidificazione del traffico è stato individuato fra Corso Sicilia, Corso dei Martiri, Via VI Aprile, Casalotto, Di Prima, Puccini,  eliminando stalli che intralciano la circolazione  e aumentando invece quelli per i motocicli, prevedendo inoltre le rastrelliere per le biciclette. Il potenziamento della flotta AMT che passa da 130 mezzi circolanti quotidianamente a 220(grazie all'intenso lavoro anche nel mese di agosto delle maestranze dell'azienda del trasporto pubblico cittadino) che permette di fare scattare già dal primo settembre ben tre nuove linee dai quartieri nord ogni 20 minuti: la 429 da Barriera, la 449 da S. G. Galermo e la 936 da Canalicchio; viene potenziata, inoltre, la direttrice 2-5 Sanzio-Borsellino per assicurare una maggiore frequenza; viene istituita la nuova navetta elettrica 401 che collegherà, per l’appunto in circolare, Borsellino-Stazione-Plebiscito: sarà questo l’unico mezzo che passerà sotto Porta Uzeda.

Il sindaco Stancanelli ha dunque elencato gli elementi più importanti contenuti nel piano per sostenere il commercio nel centro storico: Sistemazione parcheggio Borsellino; attivazione percorsi per collegamento nord-sud ( Via Merletta, Collegiata etc); stalli a rotazione; studi per il reperimento di nuovi stalli nel Centro Storico; velocizzazione bus tramite la realizzazione di corsie protette; incremento della flotta AMT  (Da 130 a 220 vetture); attivazione di 4 nuove linee; nuovi stalli per cicli e motocicli.

"Il cambiamento - ha detto Stancanelli - almeno nella prima fase potrà provocare qualche disagio, fosse solo perché costringe a cambiare qualche abitudine. È proprio per rivitalizzare la città, i suoi esercizi commerciali, i suoi mercati storici, la sua economia che abbiamo voluto avviare il piano che sottoporremo ogni giorno a verifiche di cui dopo novanta giorni tireremo le somme". Informazioni sono presenti sul sito del Comune nella sezione Pgtu, ogni osservazione potrà essere inviata all'indirizzo email pgtrafficourbano@comune.catania.it. Per chi volesse invece affrontare le questioni direttamente, è disponibile l’Ufficio per le Relazioni con il Pubblico a Palazzo degli Elefanti, dove personale dell’assessorato alla Mobilità e dell’AMT è a disposizione dei cittadini.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arresti a raffica della squadra mobile etnea

  • Premiate le 14 migliori pizze della Sicilia orientale

  • Dimentica di inserire il freno a mano, muore schiacciata dalla sua auto

  • Vedono la polizia e scappano a 150 chilometri orari, arrestati

  • Cinque arancini gourmet: le ricette della quinta edizione di Chicchi riso e uva di Sicilia

  • Bucato profumato? Come pulire la lavatrice

Torna su
CataniaToday è in caricamento