Processo Iblis: raccolte intercettazioni telefoniche e ambientali

Intercettazioni telefoniche e ambientali raccolte nel processo Iblis verranno trascritte ed entreranno a far parte del processo per reato elettorale

Intercettazioni telefoniche e ambientali raccolte nel processo Iblis verranno trascritte ed entreranno a far parte del processo per reato elettorale al presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo e suo fratello Angelo, deputato nazionale del Mpa, che si tiene a Catania davanti alla quarta sezione del giudice monocratico.

La decisione sulle intercettazioni, ritenute inammissibili dalla difesa ed invece chieste dai pm, è stata comunicata dal giudice monocratico Michele Fichera stamane nell'udienza del procedimento.

Il giudice ha anche stabilito che durante la prossima udienza, fissata per il 6 marzo, saranno sentiti tre imputati di reato connesso, due dei quali collaboratori di giustizia. "Avevamo fatto una eccezione, secondo una certa interpretazione della giurisprudenza - ha affermato l'avvocato Guido Ziccone, legale del governatore - e il giudice ha ritenuto di interpretare in modo diverso. Noi eravamo e restiamo sereni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il procedimento, che riguarda le elezioni alla Camera del 2008 e la campagna elettorale per fare eleggere Angelo Lombardo, nasce da uno stralcio dell'inchiesta Iblis sui rapporti tra mafia, politica, pubblica amministrazione ed imprenditoria. La posizione dei fratelli Lombardo è stata stralciata dal fascicolo principale e l'accusa iniziale di concorso esterno in associazione mafiosa, per la quale è pendente una richiesta di archiviazione all'ufficio del Gip, è stata derubricata in reato elettorale con la citazione a giudizio diretta disposta dalla Procura davanti al Tribunale monocratico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Corsa clandestina, il cavallo cade in un fossato e muore: 16 denunciati

  • "Dammi i soldi o ti spezzo le gambe", arrestato mentre attende la vittima sotto casa

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento