Racket: imprenditore vitivinicolo di Linguaglossa costretto a chiudere

"Ormai ho perso. E' inutile lottare da soli. Anche questa volta hanno vinto loro. Chiudo la mia azienda. Mi spiace essere costretto a licenziare 15 persone"

''Ormai ho perso. E' inutile lottare da soli. Anche questa volta hanno vinto loro. Chiudo la mia azienda. Mi spiace essere costretto a licenziare 15 persone''.

E' lo sfogo di un imprenditore vitivinicolo di Linguaglossa, sull'Etna, Rosario Puglia, che ha deciso di chiudere la sua azienda dopo minacce e una serie di atti intimidatori, l'ultimo dei quali nei giorni scorsi. Puglia nel dicembre dello scorso anno aveva denunciato di essere vittima del racket del pizzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto arsenale, era nascosto in serbatoi sotterrati vicino al lido Le Capannine

  • Ragazze picchiano le compagne di scuola e diffondono il video sui social

  • Assalto in banca con escavatore a Trecastagni: si cercano i ladri in fuga

  • "Cattivo Tenente", i nomi degli arrestati

  • Beccati a lavorare e confezionare 180 chilogrammi di marijuana, arrestati

  • Squadra mobile smantella piazza di spaccio a San Giovanni Galermo

Torna su
CataniaToday è in caricamento