Rapina con inseguimento per le vie di san Cristoforo, la polizia arresta pluripregiudicato

L'uomo è un 32enne sorvegliato speciale. Ha rapinato, con un complice, un locale di viale Kennedy e ha tentato la fuga alla vista degli agenti

Aveva rapinato, con un altro complice, un bar di viale Kennedy ma al termine di un inseguimento è stato preso dalla polizia e arrestato. Si tratta del pluripregiudicato catanese Giovanni Casiglia, di 32 anni, accusato di rapina aggravata e resistenza a pubblico ufficiale in concorso con un altro soggetto che non è stato ancora identificato.

La scorsa notte, alle 3 e 30, Castiglia e il complice avevano rapinato un bar con il volto coperto e sotto la minaccia di un'arma.

Il titolare ha allertato la polizia che ha individuato l'auto dei rapinatori che si dirigeva verso il faro Biscari. Vi è stato un lungo inseguimento per le vie del quartieres San Cristoforo che è terminato in via Cordai, dove i due soggetti, arrestata la marcia, sono scesi dall’autovettura tentando di fuggire appiedati ma Castiglia è stato bloccato.

E' stato recuperato il bottino, 163 pacchi di sigarette (restituiti al proprietario del bar), e l'arma utilizzata per la rapina: una pistola a salve con tappo rosso, munita di caricatore vuoto. Mentre il denaro poco prima asportato dall’esercizio commerciale era rimasto in possesso del complice datosi alla fuga.

Castiglia, era inoltre un sorvegliato speciale, e quindi è stato anche denunciato per inosservanza degli obblighi inerenti la misura di prevenzione.

Potrebbe interessarti

  • Probiotici: cosa sono e perchè fanno bene

  • Emorroidi: cause, rimedi e prevenzione

  • Sbornia: cause, sintomi e rimedi

I più letti della settimana

  • Incidente stradale al villaggio Ippocampo, suv con sei minorenni capotta

  • "Hai mai fatto l'amore", la frase del romeno di 31 anni prima delle molestie: arrestato

  • Incidente stradale in tangenziale, auto pirata investe un motociclista e scappa

  • Topo d'appartamento preso dai "Falchi" in viale Mario Rapisardi

  • Sparatoria a Ucria, il presunto assassino è originario di Paternò

  • Inseguono autobus con una "moto ape" per aggredire autista: denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento