Rapina, furto e spaccio: squadra mobile arresta latitante

La squadra mobile – squadra “Catturandi” ha arrestato Concetto Questorino, 38 anni, pluripregiudicato, latitante

La squadra mobile – squadra “Catturandi” ha arrestato Concetto Questorino, 38 anni, pluripregiudicato, latitante. L’uomo è destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso in data 6 marzo 2020, dalla Procura Generale della Repubblica – Ufficio Esecuzioni Penali - dovendo espiare la pena residua di anni 5, mesi 10 e giorni 6 di reclusione, per i reati di rapina aggravata, furto aggravato e in materia di stupefacenti, già irreperibile dal 6 marzo 2020.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il provvedimento restrittivo, è relativo a diverse condanne, divenute definitive, per reati contro la persona e contro il patrimonio, nonché per il delitto di associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, reato per il quale Concetto Questorino era stato arrestato dalla squadra mobile in data 21 gennaio 2014, nell’ambito dell’operazione “Colomba”. Concetto Questorino è stato rintracciato mentre si trovava in strada nel popoloso quartiere di San Cristoforo. Svolte le formalità di rito, Questorino è stato associato presso la casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

  • Coronavirus, in Sicilia situazione stabile: scoperto un nuovo caso

Torna su
CataniaToday è in caricamento