Rapina un ufficio postale: arrestato grazie ai tatuaggi sul braccio

I carabinieri di Riposto hanno arrestato il 40enne Giuseppe Varoncelli. L’uomo, il 3 settembre scorso, ha rapinato l'ufficio postale di via Marconi a Riposto

I carabinieri di Riposto hanno arrestato il 40enne Giuseppe Varoncelli, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale Etneo su richiesta della Procura della Repubblica di Catania, in ordine ai reati di rapina aggravata e ricettazione in concorso.

VARONCELLI Giuseppe, nato a Catania il 08.10.1978-2

L’uomo, il 3 settembre scorso, aiutato da un complice e con il volto travisato da un casco integrale, ha prima costretto una donna, intenta a prelevare del denaro dallo sportello automatico, a seguirlo all’interno dell’Ufficio Postale di via Marconi a Riposto dove, simulando di essere armato, ha minacciato il direttore facendosi consegnare il denaro contenuto nelle casse per poi fuggire via a bordo di uno scooter (poi risultato rubato a Giardini Naxos il 9 agosto scorso).

I carabinieri, giunti subito dopo il colpo, hanno immediatamente analizzato le immagini registrate dalle telecamere attive sia dentro l’ufficio postale che in strada, riuscendo a ricostruire il percorso utilizzato dai criminali per fuggire fino ad una zona in cui, uno dei due, si disfaceva degli indumenti e del casco indossati e, pur non mostrandosi chiaramente in volto, rivelava sulle braccia alcuni tatuaggi.

Gli investigatori, comparando i tratti somatici del rapinatore con quelli di un uomo più volte controllato perché sottoposto a misura di sicurezza, hanno evidenziato numerosi punti in comune tra i quali i tatuaggi risultati identici. Il quadro probatorio raffigurato al magistrato titolare dell’indagine ha consentito di formulare la richiesta per l’emissione di un provvedimento cautelare che, accolta in toto dal Giudice, ha consentito l’arresto del reo ed il suo trasferimento nel carcere di Catania Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto arsenale, era nascosto in serbatoi sotterrati vicino al lido Le Capannine

  • Duplice omicidio nell'agrumeto, l'accusato: "Mi avevano minacciato di morte"

  • Ragazze picchiano le compagne di scuola e diffondono il video sui social

  • Beccati a lavorare e confezionare 180 chilogrammi di marijuana, arrestati

  • Squadra mobile smantella piazza di spaccio a San Giovanni Galermo

  • "Cattivo Tenente", i nomi degli arrestati

Torna su
CataniaToday è in caricamento