Riccardo Orioles ottiene la pensione Bacchelli, Cgil:"Iniziativa che ci riempie di gioia"

La campagna di raccolta firme lanciata dal giornalista catanese Luca Salici in tutta Italia per “mandare in pensione Orioles” ha dato i suoi frutti

"In una giornata come quella odierna, 21 marzo 2017, dedicata alle vittime innocenti di tutte le mafie la notizia data a Locri da Don Ciotti che Riccardo Orioles, giornalista cresciuto con Pippo Fava nella redazione dei Siciliani, riceverà la pensione per alti meriti civili, così come previsto dalla legge Bacchelli, come Cgil ci riempie di gioia e ci da speranza. La campagna di raccolta firme lanciata da Luca Salici in tutta Italia per 'mandare in pensione Orioles' ha dato i suoi frutti. Riccardo ha ampiamente meritato questo riconoscimento per il suo lungo impegno contro le mafie, per non aver mai abbassato la testa ne avere mai seguito il melodioso canto delle sirene che ottenebrano la mente e fanno perdere il significato delle parole 'verità' e 'giustizia' a tanti". Cgil Catania commenta così la notizia dell'approvazione della legge Bacchelli a favore del giornalista milazzese, dopo una lunga carriera coraggiosa e indipendente.

"La lotta alle mafie e alla illegalità, alla corruzione e all’asservimento ai poteri forti passa attraverso una libera comunicazione e circolazione di idee. Per onorare le vittime delle mafie occorre l’impegno di tutti, occorre avere il coraggio di dire la verità, di praticare e pretendere giustizia, di riconoscere gli errori, occorre mettere in atto una cultura della legalità, sviluppo, buona occupazione e diritti. Il riconoscimento dovuto a Riccardo è il riconoscimento ad una vita spesa per la giustizia e la verità -conclude la segreteria Cgil - ed è il modo per dare una risposta a quelle mani che a Locri hanno voluto minacciare chi lotta per la legalità, e che ovunque cercano di impedire che la lotta contro illegalità corruzione e mafie porti i suoi frutti."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo leggero decollato da Catania precipita: due morti

  • Precipita aereo leggero, morti il pilota esperto e un giovane allievo

  • Due persone uccise alla Piana di Catania, giallo sul ferimento del terzo uomo

  • Scoperto arsenale, era nascosto in serbatoi sotterrati vicino al lido Le Capannine

  • Duplice omicidio alla Piana di Catania, la confessione: "Sono stato io a sparare"

  • Duplice omicidio nell'agrumeto, l'accusato: "Mi avevano minacciato di morte"

Torna su
CataniaToday è in caricamento