Rifiuti gettati fuori orario: multe salate per chi non rispetta l'ordinanza

Per chi getta il sacchetto prima delle 19 ( e dopo le 23), la sanzione è di 50 euro. E può arrivare anche a 500 euro in caso di recidiva. In due soli giorni di controlli sono state elevate 22 multe a cittadini colti in "flagranza" con il sacchetto in mano prima delle 19

Per chi getta il sacchetto prima delle 19 ( e dopo le 23), la sanzione è di 50 euro. E può arrivare anche 500 euro in caso di recidiva. In due soli giorni di controlli effettuati su indicazione della direzione Ecologia a San Giovanni Galermo, Librino, Barriera, Picanello, Acquicella e centro storico, sono state elevate 22 multe a cittadini colti in "flagranza" con il sacchetto in mano prima delle 19. Sette sanzioni nella sola zona di Acquicella.

Per chi viene multato per la prima volta davanti al cassonetto, la multa prevista ammonta a 50 euro. Si applica, infatti, il doppio del minimo o un terzo del massimo di una sanzione che può andare da 25 a 500 euro. Mentre, per i recidivi, scatta il massimo della sanzione: 500 euro senza alcuna riduzione.

Lo scopo è quello di evitare che i cassonetti siano pieni di spazzatura durante il giorno. Il giro di raccolta dei camion che avviene, prevalentemente nelle ore serali e di notte, garantisce una tutela dell'ambiente e della collettività.

In conclusione, l'orario stabilito dall'ordinanza del sindaco Stancanelli, dalle 19 alle 23, e vale anche per la differenziata come plastica, alluminio, carta, cartone e vetro.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione a Librino, ladri piazzano bomba davanti a un tabacchi: un morto

  • Vertice a Catania sul Coronavirus: chi ha sintomi non vada in ospedale

  • Assalto in banca con escavatore a Trecastagni: si cercano i ladri in fuga

  • Musumeci convoca nuovo vertice sul Coronavirus: in arrivo misure precauzionali

  • Bomba davanti a distributore tabacchi, identificata la vittima: 19enne incensurato e studente

  • "Cattivo Tenente", i nomi degli arrestati

Torna su
CataniaToday è in caricamento