Riposto, stanziati dalla Regione 600 mila euro per il porto

L'assessore Falcone: "Riparte il rilancio dopo anni"

La giunta regionale siciliana ha approvato lo stanziamento di ben 603mila euro finalizzati al completamento del primo bacino del porto di Riposto. Il provvedimento, promosso dall'assessorato regionale alle Infrastrutture, arriva a completamento dell'intervento da un milione di euro, varato dal governo Musumeci nel 2018, per mettere in sicurezza l'approdo e avviare lavori attesi da anni.

"Attraverso il recupero di alcune economie rimaste inutilizzate nel tempo - illustra l'assessore regionale Marco Falcone - diamo ancor più ampio respiro al rilancio infrastrutturale del porto dell'Etna. Al milione di euro assegnato nel 2018, con cui abbiamo messo mano a una storica incompiuta come il Primo bacino, si aggiungono altre somme per implementare i servizi delle banchine, realizzare una moderna illuminazione e completare la messa in sicurezza del porto ripostese".

Dopo la riunione di giunta, l'assessore Falcone ha fatto il punto sulla tabella di marcia dei lavori incontrando il sindaco di Riposto, Enzo Caragliano. "Subito dopo Ferragosto - aggiunge l'esponente del governo Musumeci - il cantiere entrerà nel vivo e partirà la rimozione delle opere divelte dalle mareggiate. I lavori procederanno senza intoppi affinché a breve la città di Riposto possa riabbracciare, dopo lunghi anni d'attesa, il proprio porto. L’infrastruttura - conclude Falcone - sarà il naturale punto di riferimento dello sviluppo turistico della zona jonico-etnea".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto arsenale, era nascosto in serbatoi sotterrati vicino al lido Le Capannine

  • Duplice omicidio nell'agrumeto, l'accusato: "Mi avevano minacciato di morte"

  • Ragazze picchiano le compagne di scuola e diffondono il video sui social

  • Beccati a lavorare e confezionare 180 chilogrammi di marijuana, arrestati

  • Squadra mobile smantella piazza di spaccio a San Giovanni Galermo

  • "Cattivo Tenente", i nomi degli arrestati

Torna su
CataniaToday è in caricamento