Via Plebiscito, sanzioni per i locali "Antico Corso" e "Dal Tenerissimo"

Carabinieri, polizia municipale e Asp, hanno perquisito i due storici locali di via Plebiscito, passando a setaccio lavoratori ed alimenti

foto archivio

Carabinieri, polizia municipale e Asp, hanno passato al setaccio i locali di via Plebiscito, allo scopo di contrastare ogni forma di illegalità nell’ambito commerciale e nei settori igiene e lavoro. Ecco cosa hanno scoperto. Presso la "Trattoria Antico Corso" c'erano 3 lavoratori in nero su 5 presenti. E' scattato un recupero contributivo di circa 5 mila euro e la sospensione temporanea dell’attività, fino alla regolarizzazione delle posizioni lavorative dei dipendenti.

E' stata disposta la sospensione dell’attività di deposito di alimenti, perché non autorizzata e svolta in precarie condizioni igienico sanitarie, mentre i vigili urbani hanno contestato ai titolari dell’esercizio commerciale l’occupazione abusiva di suolo pubblico.

Sono state irrogate sanzioni per circa 12 mila euro. Per quanto riguarda il ristorante “Dal Tenerissimo” di via Plebiscito 746, è scattata la sospensione dell’attività di deposito di alimenti, sempre perché non autorizzata e svolta in precarie condizioni igienico sanitarie, e l’occupazione abusiva di suolo pubblico. Nel totale, sono state irrogate ai titolari sanzioni per circa 1.200 euro.

Potrebbe interessarti

  • Cellulari: alcune funzioni segrete

  • Allergia al nichel: sintomi e cibi da evitare

  • Estate: ogni quanto cambiare lenzuola ed asciugamani

  • Estate: piante da giardino e da terrazzo resistenti al caldo

I più letti della settimana

  • Droga, ostaggi, pizzo e accordi tra clan: Mazzei sotto scacco

  • Cellulari: alcune funzioni segrete

  • Bufera dopo gli insulti dei neomelodici etnei a Falcone e Borsellino, la Rai apre istruttoria

  • Operazione "Hostage", i nomi dei 12 arrestati

  • Arrestato spacciatore: i clienti lo chiamavano “Toretto” da “Fast and Furious”

  • Dentro la classe con gli scooter, due studenti 19enni denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento