Svaligiano "Coin” e “Oviesse”: arrestate due taccheggiatrici

Un 28enne siracusana e una 31enne catanese si erano recate nei noti punti vendita rubando abiti e prodotti di bellezza

La 28enne siracusana Lusiana Adamo e una donna catanesese di 31 anni sono state arrestate per furto aggravato. Nel primo caso i militari hanno bloccato la donna siracusana mentre tentava di allontanarsi dal negozio “Coin” di via Etnea con la borsa piena di prodotti sottratti poco prima dal reparto profumeria. La refurtiva, del valore di circa 500 euro, è stata interamente recuperata e restituita al responsabile dell’esercizio commerciale.

Il secondo episodio è avvenuto nel negozio Oviesse di via Gabriele D’Annunzio, dove una catanese è stata fermata dai carabinieri mentre stava risalendo sulla sua Fiat Panda con una busta colma di capi d’abbigliamento rubati poco prima dagli stand dell’esercizio commerciale. Nell'auto, a seguito di perquisizione, sono stati trovati altri indumenti rubati precedentemente nel negozio di viale XX Settembre. Anche in questo caso la merce è ritornata nella disponibilità dei due punti vendita.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Acireale, cittadini denunciano i baby-spacciatori: blitz della polizia

  • Cronaca

    Festini in chiesa e serate in disco: consegnato dossier su preti gay

  • Cronaca

    Rischio crolli sui cantieri della metro, chieste verifiche sulla sicurezza

  • Cronaca

    Randazzo, si circola a rilento a causa della neve sulla statale 116

I più letti della settimana

  • Ritrovato il bambino di 4 anni rapito da due sconosciuti

  • Maltempo, allerta meteo su Catania: forti piogge, vento e fulmini

  • Cake Star arriva a Catania, in sfida tre pasticcerie: Quaranta, C&G e Privitera

  • Arrestati due romeni per il sequestro lampo di un bambino

  • Zona Porto, bambino di 4 anni rapito: indagano i carabinieri

  • Appalti truccati e corruzione, 8 arresti: in carcere il sindaco di Acireale

Torna su
CataniaToday è in caricamento