Picchia e segrega la compagna fingendosi un guaritore: arrestato 55enne

Dopo sei mesi di convivenza con il "santone" che millantava poteri soprannaturali promettendo miracoli, la donna aveva perso anche l'affidamento della figlia

Un 55enne di Santa Venerina è stato arrestato dai carabinieri per maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e sequestro di persona. Sei mesi di convivenza con quell’uomo, che millantava poteri soprannaturali promettendo alle gente guarigioni e miracoli, sono costati ad una 27enne la perdita della potestà genitoriale della figlia di appena cinque anni (nata da una precedente relazione), affidata ai nonni materni, proprio perché nel marzo scorso i giudici del Tribunale dei Minori di Catania l’avevano dichiarata incapace di potersi dedicare alla educazione e crescita della minore in virtù di un totale asservimento ai voleri del convivente, quindi incapace di mantenere la giusta lucidità mentale.

La vittima, non rendendosi proprio conto di quanto realmente le stesse accadendo, ha subìto in questi mesi numerose vessazioni psicofisiche sfociate la scorsa notte in una vera e propria aggressione, con sequestro di persona.Il "santone" prima l’ha presa a calci e pugni per poi chiuderla fuori al balcone ed impedirle di chiamare i soccorsi. La ragazza, terrorizzata, ha trovato la forza di chiedere aiuto mettendosi a gridare a squarciagola, attirando così l’attenzione di alcuni vicini di casa che hanno chiamato i carabinieri. Sul posto sono giunte immediatamente due pattuglie dell’arma le quali, accedendo nell’abitazione, hanno bloccato ed ammanettato l’uomo, liberando la convivente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna, trasportata in ambulanza all’ospedale di Acireale, è stata riscontrata affetta dai medici del Pronto Soccorso da: “trauma distorsivo rachide cervicale – escoriazione avambraccio sinistro” lesioni giudicate guaribili in 15 giorni. La stessa dopo essere stata medicata e dimessa dall’ospedale ha potuto riabbracciare la figlioletta in casa dei suoi genitori che l’hanno accolta a braccia aperte. L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Reati fiscali, coinvolti nomi della cordata interessata al Calcio Catania: gli arrestati

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 10 luglio 2020

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, auto contro tir: morta una donna, grave il figlio

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

Torna su
CataniaToday è in caricamento