Open Arms rifiuta attracco a Catania: "In Spagna non ci insultano"

"Dalla Spagna - ha detto il comandante della ong- non riceviamo insulti o attacchi, non ci chiamano scafisti, nessuno mette in cattiva luce quello che stiamo facendo"

"Ci hanno assegnato Catania, guarda caso la città dove hanno aperto l'indagine contro le ong". Lo ha detto Riccardo Gatti, capitano della Open Arms, intervistato da 'Sky Tg24', tornando sui motivi che li hanno spinti a scegliere la Spagna piuttosto che l'Italia nonostante l'apertura per il porto di Catania. "Andiamo in Spagna perche li è diverso l'atteggiamento del governo" ha aggiunto Gatti. "Dalla Spagna non riceviamo insulti o attacchi, non ci chiamano scafisti, nessuno mette in cattiva luce quello che stiamo facendo, omettendo tutto cio' che sta succedendo. Ai cittadini le cose sono presentate in modo veritiero".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • "Sono uscito per vendere droga", lo dichiara nell'autocertificazione: arrestato

  • Coronavirus, l'avanzata resta costante: in Sicilia 73 nuovi casi, a Catania +30

  • Coronavirus, numerose segnalazioni di gente in giro: immunità di gregge o incoscienza?

  • Coronavirus, sospeso avvio della stagione balneare

  • Incidente stradale a Biancavilla, moto contro un palo: morto 19enne

Torna su
CataniaToday è in caricamento