Schiaffi e pugni alla moglie, ubriaco finisce in carcere

La moglie era riuscita a convincerlo a ricoverarsi all’Ospedale Cannizzaro per disintossicarsi. Ma l’uomo, dopo solo un giorno di ricovero, aveva firmato per le proprie dimissioni

I carabinieri di San Giovanni La Punta hanno arrestato un 63enne del posto, poiché ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali, reati commessi in danno della moglie di anni 61. Schiavo della dipendenza da sostanze alcoliche e senza un’occupazione fissa, da diversi anni sfogava le proprie frustrazioni contro la poveretta, costretta a patire ogni sorta di vessazione. Alcuni giorni fa la vittima, ormai in preda alla disperazione, era anche riuscita a convincerlo a ricoverarsi all’Ospedale Cannizzaro per disintossicarsi. Ma l’uomo, dopo solo un giorno di ricovero, aveva firmato per le proprie dimissioni pretendendo che la donna lo andasse a prendere in auto.

Appena salito in macchina, senza alcuna plausibile ragione, ha iniziato a picchiarla con schiaffi e pugni facendole sbattere violentemente la testa contro il finestrino. Costretta a fuggire a piedi, tramite una conoscente, è riuscita a raggiugere la propria abitazione dove peraltro la donna da alcuni anni si prende cura dell’anziana madre. Da lì, la richiesta d’aiuto ai carabinieri che, intervenuti immediatamente sul posto, hanno bloccato ed ammanettato il marito violento mentre tentava con la forza di accedere in casa. La donna, a causa delle percosse, ha dovuto recarsi in Ospedale dove i medici le hanno diagnosticato una “contusione e tumefazione della sede zigomatica”.

L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Catania piazza Lanza dove permarrà così come deciso dal G.I.P. in sede di convalida.

Potrebbe interessarti

  • Gelato: i gusti che fanno ingrassare meno

  • Smartphone Huawei: cosa cambia dal 19 agosto

  • Come far durare la tinta per capelli anche in estate

  • Piante grasse: cinque benefici per la salute

I più letti della settimana

  • Trovato morto Marco Avolio, era tra gli storici gioiellieri di Catania

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, un morto e tre feriti

  • Giuseppe Guglielmino, il "re Mida" dei Cappello: confiscato tesoro da 12 milioni

  • Incidente stradale a Sant'Agata Li Battiati, auto perde il controllo e si ribalta

  • Incidente sulla A19, coinvolta una moto: interviene elisoccorso

  • Un tumore al cervello gigante rimosso ad una bimba di otto anni

Torna su
CataniaToday è in caricamento