Scovato latitante, si nascondeva nel sottotetto della casa della madre

I carabinieri di Paternò hanno posto fine alla latitanza del 35enne paternese Salvatore Faro, destinatario di un ordine per la carcerazione emesso nel settembre del 2018 dal Tribunale di Catania

I carabinieri di Paternò hanno posto fine alla latitanza del 35enne paternese Salvatore Faro, destinatario di un ordine per la carcerazione emesso nel settembre del 2018 dal Tribunale di Catania. L’uomo, condannato dai giudici etnei per spaccio di sostanze stupefacenti e furto aggravato, reati commessi distintamente il 14 marzo 2010 nel capoluogo etneo e il 4 settembre 2016 a Paternò, dovendo scontare la pena equivalente ad anni 3, mesi 4 e giorni 22 di reclusione, si era reso irreperibile fuggendo, presumibilmente, all’estero.

Le indagini dei militari dell’Arma, svolte senza alcuna soluzione di continuità, ieri sera hanno dato i frutti sperati quando, irrompendo in quella abitazione di via Caltanissetta, neanche l’amore materno – la donna ha tentato invano di sviare i carabinieri - ha potuto sottrarre il figlio alla cattura, avvenuta nel locale sottotetto dell’immobile dove l’uomo aveva trovato rifugio. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Librino, in 40 aggrediscono due agenti che tentavano di fermare una moto senza targa

  • Tentato omicidio a Palagonia, coltellate e spari dopo una lite: un ferito

  • Rientra e trova armi e oltre 6 chili di hashish nel suo deposito

  • "Gli italiani scelgono Catania per il Natale 2019 e il Capodanno 2020"

  • Scopre di essere incinta poco prima di partorire: ma la bambina muore

  • Agenti aggrediti a Librino, arrestato un diciottenne

Torna su
CataniaToday è in caricamento