Scovato latitante, si nascondeva nel sottotetto della casa della madre

I carabinieri di Paternò hanno posto fine alla latitanza del 35enne paternese Salvatore Faro, destinatario di un ordine per la carcerazione emesso nel settembre del 2018 dal Tribunale di Catania

I carabinieri di Paternò hanno posto fine alla latitanza del 35enne paternese Salvatore Faro, destinatario di un ordine per la carcerazione emesso nel settembre del 2018 dal Tribunale di Catania. L’uomo, condannato dai giudici etnei per spaccio di sostanze stupefacenti e furto aggravato, reati commessi distintamente il 14 marzo 2010 nel capoluogo etneo e il 4 settembre 2016 a Paternò, dovendo scontare la pena equivalente ad anni 3, mesi 4 e giorni 22 di reclusione, si era reso irreperibile fuggendo, presumibilmente, all’estero.

Le indagini dei militari dell’Arma, svolte senza alcuna soluzione di continuità, ieri sera hanno dato i frutti sperati quando, irrompendo in quella abitazione di via Caltanissetta, neanche l’amore materno – la donna ha tentato invano di sviare i carabinieri - ha potuto sottrarre il figlio alla cattura, avvenuta nel locale sottotetto dell’immobile dove l’uomo aveva trovato rifugio. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania piazza Lanza.

Potrebbe interessarti

  • Probiotici: cosa sono e perchè fanno bene

  • Emorroidi: cause, rimedi e prevenzione

  • Sbornia: cause, sintomi e rimedi

I più letti della settimana

  • Incidente stradale al villaggio Ippocampo, suv con sei minorenni capotta

  • "Hai mai fatto l'amore", la frase del romeno di 31 anni prima delle molestie: arrestato

  • Incidente stradale in tangenziale, auto pirata investe un motociclista e scappa

  • Topo d'appartamento preso dai "Falchi" in viale Mario Rapisardi

  • Sparatoria a Ucria, il presunto assassino è originario di Paternò

  • Inseguono autobus con una "moto ape" per aggredire autista: denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento