Cortile platamone, premiazione dei 30 studenti vincitori del concorso di intercultura

Mercoledì 29 maggio, dalle 16.00, Cortile Platamone, Via Vittorio Emanuele II: premiazione dei vincitori del bando di concorso di Intercultura alla presenza del Sindaco Salvo Pogliese e dell’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Catania, Dott.ssa Barbara Mirabella

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

Da Catania al mondo! Anche nella provincia di Catania, infatti, si conferma il desiderio delle famiglie italiane di arricchire la formazione dei propri figli con un'esperienza internazionale. Partiranno adolescenti e torneranno uomini e donne più pronti a prendere in mano le loro vite e a muoversi con maggiore disinvoltura nella nostra società sempre più globalizzata e interdipendente. In tutta Italia sono stati quasi 7.000 gli studenti che hanno partecipato al bando di concorso dell'Associazione Intercultura per poter aderire a uno dei programmi proposti: un intero anno scolastico nella maggioranza dei casi, oppure un periodo da 2 a 6 mesi sempre per andare a scuola all'estero o, in alternativa, un soggiorno linguistico della durata di un mese durante l'estate. Ad essere selezionati sono stati oltre 2.200 gli studenti italiani, che a partire da fine giugno prenderanno il volo verso tutti i continenti. Molti di loro, circa i tre quarti, lo faranno grazie alle centinaia di borse di studio, totali o parziali, che Intercultura è riuscita a mettere a loro disposizione grazie al proprio fondo interno o grazie a una delle tantissime aziende ed enti sponsor che sostengono il programma. Tra questi, 30 sono gli studenti selezionati dai volontari di Intercultura del Centro locale di Catania. Si tratta di: Enrico B. un anno negli USA, Gabriele B. un anno in Irlanda, Carlo B. un trimestre in Belgio, Giorgia C. un anno negli USA, Alice D.B un anno in Ungheria, Clorinda D.G. un semestre in Irlanda, Marta G. un semestre in Francia, Gaia G. un anno in Portogallo, Federica L. un semestre in Cile, Margherita L. un anno in India, Nicole L.S. un anno in Francia, Marco P. un anno a Panama, Zoe R. un anno negli USA, Manuela S. un anno in Brasile, Annalaura V. e Piergiorgio S. entrambi un'estate in Irlanda; Federica R. un anno negli USA e Silvia V. un anno in Brasile ; Beatrice B un anno in Tunisia e Giulia B. un anno in Serbia, Rosa D.M un trimestre in Belgio e Vittoria S. un anno in Egitto, Alessandro G. un anno in Portogallo e Francesca P. un anno in Cile, Margot G. un semestre in Francia, Rachele P. un anno in Brasile, Emilia S. un anno in Francia, Chiara S. un trimestre in Russia, Agnese T. un anno in Irlanda. I 30 studenti stanno attualmente partecipando a una serie di incontri di formazione organizzati dai volontari di Intercultura di Catania per poter non solo arrivare preparati ad affrontare i momenti più belli, ma anche quelli più complessi della loro esperienza all’estero, ma soprattutto sfruttare al meglio questa irripetibile opportunità che viene loro data di entrare in contatto con una cultura diversa dalla propria di origine, ospiti di una famiglia e frequentando una scuola locale. Non basta un viaggio all’estero o conoscere una lingua straniera per diventare “cittadini del mondo”: grazie alla formazione impartita, questi adolescenti impareranno a entrare nel profondo della società ospitante, comprenderne le caratteristiche meno visibili, confrontarle con la propria identità nazionale. Ritorneranno in Italia come persone mature, indipendenti, autonome, ma soprattutto dotati della consapevolezza di essere “un ponte tra le culture” in un momento storico dove la crisi del dialogo interculturale è sempre più acuita nonostante viviamo in un mondo globalizzato e interconnesso. Anche per questo motivo, per la durata del periodo che vivranno all’estero, questi studenti saranno gli ambasciatori di Catania, e avranno il compito e l’onore di far conoscere la nostra cultura all’estero al di là di stereotipi e pregiudizi. Questi giovani ambasciatori del nostro Paese avranno anche il compito di contribuire agli obiettivi di sostenibilità globali, in linea con l’Agenda 2030 dell’ONU. Intercultura ha aderito all'Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), per la realizzazione di questi obiettivi, in particolare l'obiettivo 4 (istruzione di qualità) e 16 (pace, giustizia e istituzioni solide). A insignire gli studenti, nel corso di un’apposita cerimonia di premiazione che ha ottenuto il patrocinio del Comune di Catania, saranno i dirigenti scolastici o gli insegnanti delle scuole di appartenenza di questi studenti e che consegneranno loro la pergamena attestante la vincita della borsa di studio all’estero con Intercultura. L’evento si terrà mercoledì 29 maggio dalle 16.00 presso Cortile Platamone in via Vittorio Emanuele II a Catania alla presenza del Sindaco Salvo Pugliese e dell’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Catania, Dott.ssa Barbara Mirabella: anche loro premieranno alcuni degli studenti in partenza. Nel corso dell’incontro il pubblico avrà modo anche di poter seguire e applaudire il coro della Associazione Musicainsieme Librino. Per gli studenti e le famiglie interessati ai programmi all’estero di Intercultura, è possibile contattare Simona Marziano, Vice Presidente e Responsabile Invio Centro Locale di Intercultura di Catania, 349 6697377, simonamarz66@gmail.com Intanto, è già prenotabile da ora sul sito www.intercultura.it il prossimo bando di concorso di Intercultura per i programmi all’estero per l’anno scolastico 2020-21. Il bando di concorso per partecipare ai programmi all'estero di Intercultura è disponibile ogni anno a partire da luglio sul sito dell'Associazione. Le iscrizioni al prossimo bando di concorso apriranno il 1 settembre e si concluderanno il 10 novembre 2019. Il bando sarà rivolto a ragazzi nati tra il 1 luglio 2002 e il 31 agosto 2005 (ovvero, indicativamente di 15-17 anni di età). Circa 65 le mete possibili in tutti e 5 i continenti. Ogni anno gli studenti delle scuole superiori italiane possono concorrere per più di 1.500 borse di studio totali o parziali. Quasi un migliaio provengono dall’apposito fondo di Intercultura per consentire la partecipazione ai programmi degli studenti più meritevoli e bisognosi di sostegno economico (le borse coprono una percentuale della quota di partecipazione variabile tra il 100% e il 20% della stessa). A queste se ne aggiungono altre centinaia, tra borse di studio totali e contributi parziali, grazie alla collaborazione tra la Fondazione Intercultura e diverse aziende, banche, fondazioni ed enti locali (l’elenco viene via via aggiornato sul sito www.intercultura.it).

Torna su
CataniaToday è in caricamento