Il SEL chiede le dimissioni di Filippo Drago, Sindaco di Aci Castello

Il SEL, Sinistra Ecologica e Libertà con Vendola, chiede le immediate dimissioni di Filippo Drago, condannato a due anni e tre mesi per reati contro la pubblica amministrazione

La condanna di primo grado ad Umberto Scapagnini, ex sindaco di Catania, e dei sei assessori della allora giunta comunale, continua a far parlare. Adesso l'attenzione si sposta verso il sindaco di Aci Castello, l'on. Filippo Drago, esponente del Popolo della Libertà e uno degli assessori della ex giunta Scapagnini, condannato per reati contro la pubblica amministrazione a due anni e tre mesi.

A chiederne le immediate dimissioni è il gruppo di "Sinistra Ecologica e Libertà con Vendola". Ecco la nota a firma dell'ex sindaco del paese, oggi esponente e consigliere comunale di SEL, Paolo Castorina:

"Ad Acicastello l’Amministrazione Drago opera ormai da due anni e mezzo ed è tempo di un serio bilancio dell’azione politica ed amministrativa sin qui svolta. Dopo un’attenta analisi dei risultati finora ottenuti dall’Amministrazione Drago – considerati da SEL assolutamente deludenti - e viste le gravi condizioni nelle quali opera l’Amministrazione a seguito delle condanne penali riportate dal Sindaco e da un assessore per reati contro la pubblica amministrazione ( falso ideologico nella trattazione del bilancio, abusivismo edilizio), il Consigliere Comunale Paolo Castorina, di Sinistra Ecologia e Libertà, ha deciso di presentare la mozione di sfiducia al Sindaco Drago.

Ad Acicastello è assolutamente necessario avviare una nuova stagione amministrativa ed un profondo ricambio della classe politica e cioè può avvenire solo ritornando al voto. La mozione di sfiducia verrà depositata entro la prima settimana di Novembre poiché richiede una trattazione dettagliata delle disfunzioni amministrative (in molti settori) causate dall’Amministrazione.
La mozione di sfiducia è comunque solo un versante della vicenda politica castellese. SEL presenterà a breve un esposto alla Procura della Repubblica e alla Procura della Corte dei Conti sulla gestione delle Commissioni Consiliari il cui numero di sedute è, a dir poco, esorbitante. Occorre infatti ricordare che nel Comune di Acicastello il gettone di presenza è il doppio del limite consentito dalla legge e che la maggioranza guidata da Drago si è sempre rifiutata di riportare il gettone ai valori minimi".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia dei carabinieri, 38 arresti: nuovo colpo al clan Santapaola-Ercolano

  • In manette i "broker" della droga sotto il segno del Malpassotu e dei Santapaola

  • Blitz antimafia contro Cosa nostra etnea, i nomi degli arrestati

  • Mafia dei Nebrodi e i rapporti con i Santapaola: arresti anche a Catania

  • Violati i sigilli al laboratorio dell'Etoile d'Or: nuova ispezione e chiusura del bar

  • Blatte e sporcizia nel laboratorio del bar "Etoile d'Or" di via Dusmet

Torna su
CataniaToday è in caricamento