A spasso dentro le Porte di Catania con una Fiat Panda

Troppo stanchi per fare quattro passi, o probabilmente troppo ubricachi per rendersi conto di quello che stavano facendo. Verso le 4.00 del mattino di ieri notte, alcuni giovani a bordo di una Fiat Panda, dopo aver sfondato la vetrata dell'ingresso principale del Centro Commerciale "Porte di Catania", sono entrati col mezzo nella galleria percorrendola per circa un minuto

Troppo stanchi per fare quattro passi, o probabilmente troppo ubricachi per rendersi conto di quello che stavano facendo. Verso le 4.00 del mattino di ieri notte, alcuni giovani a bordo di una Fiat Panda, dopo aver sfondato la vetrata dell’ingresso principale del Centro Commerciale “Porte di Catania”, sono entrati col mezzo nella galleria percorrendola per circa un minuto. Terminata la bravata, insieme ad un’altra autovettura che era fuori ad attenderla, la Fiat si è dileguata uscendo esattamente da dove era entrata.

La Centrale Operativa, avvertita dal personale addetto alla vigilanza del centro commerciale, ha immediatamente inviato una pattuglia del Nucleo Radiomobile e i militari della Stazione di Librino, oltre a riscontrare il danneggiamento della vetrata, hanno effettuato un sopralluogo acquisendo i filmati relativi all’accaduto. Dalla visione delle registrazioni video si è riscontrata la sorprendente azione della Fiat Panda che, dopo aver mandato in frantumi la vetrata esterna, ha percorso la galleria a forte velocità passando davanti ai negozi. Sono in corso le indagini per individuare i responsabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta meteo rossa a Catania, scuole chiuse martedì 12 novembre

  • Ferlito, il figlio del boss "perdente" e la 'Ndrangheta: "Il porto di Catania non è buono"

  • Fungo porcino record trovato alle pendici dell'Etna: 4,3 chili

  • Estorsione al titolare di un camion dei panini: cinque arrestati

  • Meteo: in arrivo piogge e raffiche di vento su Catania

  • Allerta meteo arancione, scuole chiuse ad Acireale

Torna su
CataniaToday è in caricamento