Spaccio e rissa a San Berillo vecchio: pusher gambiano in manette, un altro denunciato

I carabinieri del comando provinciale hanno arrestato il 25enne Lamin Jaiteh per spaccio mentre hanno denunciato un 31 sempre di nazionalità gambiana per violenza aggravata

I carabinieri del comando provinciale hanno arrestato il 25enne gambiano Lamin Jaiteh, ritenuto responsabile di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Di volta in volta si arrampicava sul balcone di una abitazione privata ubicata in via Zara, dove aveva nascosto la droga che puntualmente piazzava ai clienti che ne avevano fatto richiesta nella vicina via Buda. È quanto osservato e documentato dai militari che, al momento opportuno, sono intervenuti per porre fine all’attività illecita. Operazione resa estremamente difficile dalla strenua resistenza opposta dal giovane extracomunitario che ha fatto di tutto per evitare le manette. I carabinieri, in ogni caso, dopo una concitata colluttazione, sono riusciti a bloccarlo ed ammanettarlo.

Sul balcone gli operanti hanno rinvenuto e sequestrato circa 80 grammi di marjuana, suddivisa in 35 dosi, mentre la rimanente sostanza era ancora da imbustare, nonché una banconota da 20 euro trovata nella tasca dei jeans del pusher. L’arrestato, in attesa della direttissima, è stato trattenuto in camera di sicurezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sempre gli uomini del nucleo radiomobile sono dovuti intervenire in forze per sedare una violenta lite avvenuta nella vicina via Delle Finanze tra due gambiani, uno di anni 31 e l’altro di 20, che, per motivazioni presumibilmente legate al mondo della droga (indagini in corso), se le sono date di santa ragione fino al momento in cui il 31enne, approfittando della presenza sull’asfalto di alcuni cocci di bottiglia ha sferrato alcuni fendenti all’indirizzo del contendente. Il tempestivo intervento delle pattuglie dell’Arma oltre a scongiurare ben più gravi conseguenze, ha consentito di prestare soccorso ai litiganti i quali, trasportati in ambulanza nei pronto soccorso degli ospedali Cannizzaro e Garibaldi centro, sono stati riscontrati affetti da: il 31enne (dimesso con prognosi di gg 8) “piccola ferita lacero contusa avambraccio destro e piccola ferita lacero contusa mano sinistra” mentre il 20enne (tuttora ricoverato con prognosi di gg. 20 ) da “vasta ferita lacero contusa braccio sinistro con lesione del bicipite brachiale”. Il 31enne è stato denunciato all’autorità giudiziaria, poiché ritenuto responsabile di lesioni personali aggravate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Sicilia 15 nuovi casi di Coronavirus, nessun focolaio: quattro casi a Catania

  • Coronavirus, famiglia positiva a Librino: l’Asp sta ricostruendo i movimenti dei 4 componenti

  • Sidra, giovedì 16 luglio sospesa erogazione idrica in un'ampia area di Catania

  • Reati fiscali, coinvolti nomi della cordata interessata al Calcio Catania: gli arrestati

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 10 luglio 2020

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, auto contro tir: morta una donna, grave il figlio

Torna su
CataniaToday è in caricamento