Sparatoria a Ucria, il presunto assassino è originario di Paternò

L'uomo è stato fermato dai carabinieri ed è accusato del duplice omicidio avvenuto ieri sera, al termine di una lite per un parcheggio conteso

E' stato fermato dai carabinieri l'uomo accusato di essere il responsabile del duplice omicidio avvenuto questa sera a Ucria (Me), al termine di una lite per un parcheggio conteso. Le vittime sono Antonino Contiguglia, 60 anni, e Fabrizio Contiguglia, 30 anni, rispettivamente zio e nipote. A sparare alcuni colpi d'arma da fuoco sarebbe stato un uomo originario di Paterno', nel Catanese.

Sul posto sono intervenuti i militari dell'Arma, che immediatamente si sono messi sulle tracce dell'assassino. Dopo una serrata caccia all'uomo il presunto omicida e' stato fermato dai carabinieri presso la sua abitazione dove si era barricato. Il sostituto procuratore della Procura della Repubblica di Patti, Andrea Apollonio, ha per ora disposto il fermo dell'uomo. L'omicidio e' avvenuto intorno alle ore 21 ad Ucria, piccolo centro dei Nebrodi, al culmine di una banale discussione per un parcheggio tra le due vittime e l'omicida. Ad avere la peggio zio e nipote, oltre ad un loro parente rimasto ferito che e' stato trasportato in gravi condizioni al pronto soccorso dell'ospedale di Patti. Il fermato, che si trova in camera di sicurezza, sta per essere trasferito nel carcere di Gazzi a Messina

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arresti a raffica della squadra mobile etnea

  • Dimentica il figlio in auto alla Cittadella, muore bimbo di 2 anni

  • 8 cibi che non dovrebbero essere dati ai bambini

  • Traffico di droga, nel mirino i clan Cappello-Bonaccorsi e Cursoti Milanesi: 40 arresti

  • Incidente stradale, auto si ribalta in tangenziale: conducente bloccato all'interno

  • Traffico di droga pilotato dai clan, 40 arresti: i nomi

Torna su
CataniaToday è in caricamento