Niente trasferta a Catania per i tifosi del Lecce, prefetto vieta la vendita dei biglietti

Il decreto, notificato in mattinata, prevede il divieto di vendita dei tagliandi d'ingresso allo stadio ai residenti nella regione Puglia

I tifosi del Lecce non potranno partecipare alla partita contro il Catania che si terrà sabato sera allo stadio Angelo Massimino alle 20.30. A deciderlo è stato il prefetto etneo Silvana Riccio con un decreto che prevede il "divieto di vendita dei tagliandi d'ingresso allo stadio ai residenti nella regione Puglia, con contestuale sospensione del programma di fidelizzazione dell'Unione sportiva Lecce".

Il provvedimento, valido anche per i possessori della cosiddetta "tessera del tifoso" potrebbero essere scaturito dai  recenti fatti di cronaca accaduti nel corso della trasferta dei tifosi giallorossi a Brindisi lo scorso 26 agosto, con i disordini avvenuti prima del derby tra la formazione salentina e la Virtus Francavilla, in un'area di servizio all'altezza dello svincolo per i rioni Bozzano e La Rosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vertice a Catania sul Coronavirus: chi ha sintomi non vada in ospedale

  • Coronavirus, Assessore Razza: "Sospetto caso positivo a Catania"

  • Operazione Thor, 23 omicidi di mafia commessi in 20 anni: 23 arresti

  • Giuseppe Torre, torturato e bruciato vivo: dopo 28 anni fatta luce sulla morte di un innocente

  • In arrivo oltre duecento assunzioni all'aeroporto di Catania

  • Mafia, omicidi e lupara bianca: i nomi degli arrestati

Torna su
CataniaToday è in caricamento