Stupro di gruppo su 19enne americana, il Comune si costituirà parte civile

Il sindaco Salvo Pogliese ha dato mandato all’avvocatura comunale di costituzione di parte civile del comune di Catania nel processo contro gli aggressori della ragazza americana, "vittima di un efferato episodio di violenza sessuale nel centro di Catania"

Il sindaco Salvo Pogliese ha dato mandato all’avvocatura comunale di costituzione di parte civile del comune di Catania nel processo contro gli aggressori della ragazza americana, "vittima di un efferato episodio di violenza sessuale nel centro di Catania che ha destato l’attenzione dei media nazionali e internazionali, ledendo gravemente anche la reputazione della città", si legge nella nota del Comune.

I tre aggressori sono stati identificati grazie a un video che la ragazza aveva girato con loro in uno dei locali del centro locale del centro e da quello inviatole l'indomani da uno dei violentatori che la invitava a uscire ancora insieme.

Sono finiti, così, in manette Roberto Mirabella di 20 anni, Salvatore Castrogiovanni e Agatino Spampinato tutti e due di 19 anni. Si tratta di due giovanissimi netturbini e di uno studente di una scuola professionale. Sono stati fermati dai carabinieri di piazza Verga lo scorso 21 marzo e sottoposti ad interrogatorio di garanzia.

I rilievi dei carabinieri | Video

Secondo quanto ricostruito, la 19enne, da tre mesi in Italia, nella tarda serata del 15 marzo, insieme a un'amica, si è recata in un bar di via Teatro Massimo, zona della 'movida' nel cuore della città. Qui è stata avvicinata dai tre che si sono intrattenuti con lei dopo che era rimasta da sola. Dopo averle offerto qualche drink, l'hanno convinta a spostarsi in un altro bar della zona e poi, una volta in strada, l'hanno costretta a salire con violenza sul sedile posteriore di un'auto e sono andati via fino a raggiungere un posto isolato del lungomare, vicino piazza Europa. Lì i tre hanno abusato a turno della vittima, riprendendo le fasi della violenza con i loro telefonini.

La notizia dello stupro ha profondamente scosso l'opinione pubblica che nelle ultime ore ha espresso con ogni mezzo indignazione e sconforto. Non mancano sui social le dure prese di posizione nei confronti dei tre soggetti accusati di aver abusato sessualmente della vittima. E anche il sindaco Pogliese ha definito quanto accaduto come "una macchia per la reputazione della città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vertice a Catania sul Coronavirus: chi ha sintomi non vada in ospedale

  • Operazione Thor, 23 omicidi di mafia commessi in 20 anni: 23 arresti

  • Coronavirus, Assessore Razza: "Sospetto caso positivo a Catania"

  • Giuseppe Torre, torturato e bruciato vivo: dopo 28 anni fatta luce sulla morte di un innocente

  • Mafia, omicidi e lupara bianca: i nomi degli arrestati

  • Musumeci convoca nuovo vertice sul Coronavirus: in arrivo misure precauzionali

Torna su
CataniaToday è in caricamento