Tentato omicidio ad Adrano, arrestati quattro "nomadi"

Appartengono alla tribù dei “caminanti” i quattro nomadi posti in stato di fermo dagli agenti del commissariato di Adrano

Appartengono alla tribù dei “caminanti” i quattro nomadi posti in stato di fermo dagli agenti del commissariato di Adrano, lo scorso sabato: tutti devono rispondere di tentato duplice omicidio, porto e detenzione abusiva di armi da fuoco e danneggiamento. Si chiamano Bartolo Restivo (del 1964), Carmela Felice (del 1968), Salvatore Restivo ( del 1996), Salvatore Restivo ( del 1989) e sono tutti legati da vincoli familiari.

L’allarme per colpi d’arma da fuoco è giunto presso la sala operativa del Commissariato intorno alle 13: prontamente, la volante ha raggiunto il luogo segnalato, dove, in effetti, sono stati ritrovati tre bossoli di pistola, corrispondenti ad altrettanti fori di proiettile riscontrati all’interno dell’appartamento bersagliato dai nomadi. Le vittime di tanta violenza sono anche loro “caminanti” e, alla base della violenta aggressione – per la quale è stata utilizzata anche un’ascia, che è stata scagliata contro l’abitazione, una spranga di ferro, una stecca da biliardo e diverse pietre – sarebbe una lite scaturita tra due contendenti, familiari di aggrediti e aggressori, che ha provocato il raid dei parenti.

C’è da dire che i “caminanti” sono stanziali nella città di Adrano e, normalmente, vivono pacificamente, sparsi in diverse zone della cittadina. Ma sabato mattina, un’offesa imperdonabile, ossia la mancanza di rispetto nel linguaggio utilizzato dalle vittime nel corso del litigio con una donna, ha scatenato la spedizione punitiva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ai responsabili, i poliziotti sono giunti dopo una breve indagine che ha loro permesso di raccogliere sufficienti e gravi indizi di colpevolezza, tali da adottare il provvedimento cautelare del fermo di indiziato di delitto, la cui convalida è stata richiesta alla Procura della Repubblica di Catania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale al viale Mediterraneo, a perdere la vita un motociclista di 39 anni

  • Operazione "Malupassu", gli imprenditori denunciano e i boss finiscono in manette

  • Incidente lungo il viale Mediterraneo: perde la vita un motociclista

  • Traffico di rifiuti, corruzione e concorso esterno in associazione mafiosa: nel mirino la “Sicula Trasporti”

  • Spaccio di cocaina, in manette vigile urbano che girava in "Porsche"

  • Carrozze, calessi e appartamenti sfarzosi: sequestro di beni per Amato e Scuderi

Torna su
CataniaToday è in caricamento