Tremestieri Etneo, rebus acqua potabile: Comune e Acoset divisi

Nel sito ufficiale del comune dallo scorso Agosto è presente un'ordinanza ufficiale che impone il divieto dell'uso potabile dell'acqua per la presenza di alte concentrazioni di ferro. Stando però alle parole dei dirigenti dell'Acoset, che hanno incontrato il circolo locale del Pd, il problema sarebbe rientrato da tempo

Strano caso quello di Tremestieri Etneo. Nel sito ufficiale del comune dallo scorso Agosto è presente un'ordinanza ufficiale che impone il divieto dell'uso potabile dell'acqua per la presenza di alte concentrazioni di ferro. Lo stato di allerta è stato disposto prontamente nel territorio dal commissario Antonino Lutri, attualmente alla guida del paese.

Stando però alle parole dei dirigenti dell'Acoset il problema sarebbe rientrato ormai da tempo: l'acqua sarebbe insomma pronta per un uso potabile da parte della cittadinanza. A conferma di queste indiscrezioni, nei giorni scorsi il circolo locale del Pd ha richiesto e ottenuto un incontro ufficiale con il presidente dell'Acoset. Dal resoconto comunicato dal segretario, Rosalia Pulitano, e dai membri del circolo democratico locale si apprende come "I dirigenti dell'Acoset hanno assicurato il ripristino delle condizioni per la normale erogazione di acqua potabile".

Nuove analisi sarebbero state infatti effettuate sui campioni di acqua di Tremestieri Etneo. I risultati, stando ai dati forniti dall'Acoset, parlano di "valori del parametro ferro migliorati e rientranti nei valori di riferimento della normativa vigente". Non si capisce allora perchè la normativa ufficiale disposta dal comune sia ancora operativa. "Nei prossimi giorni abbiamo fissato un incontro con il commissario Antonino Lutri - dichiara il segretario del circolo Pd, Pulitano - per fare chiarezza in merito alla situazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo leggero decollato da Catania precipita: due morti

  • Precipita aereo leggero, morti il pilota esperto e un giovane allievo

  • Due persone uccise alla Piana di Catania, giallo sul ferimento del terzo uomo

  • Scoperto arsenale, era nascosto in serbatoi sotterrati vicino al lido Le Capannine

  • Duplice omicidio alla Piana di Catania, la confessione: "Sono stato io a sparare"

  • Duplice omicidio nell'agrumeto, l'accusato: "Mi avevano minacciato di morte"

Torna su
CataniaToday è in caricamento