Aeroporto Fontanarossa: smantellata banda di truffatori, 6 arresti

Sei arrestati per truffe in danno di passeggeri in transito presso i parcheggi dello scalo aeroportuale etneo: indossavano casacche catarifrangenti e rilasciavano pseudo-ricevute

I Carabinieri della Compagnia di Catania Fontanarossa hanno tratto in arresto 6 soggetti ritenuti, a vario titolo, responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di truffe in danno di passeggeri in transito presso i parcheggi dello scalo aeroportuale etneo.

L’attività scaturisce da un fenomeno segnalato da alcuni cittadini/turisti a seguito dell’apertura al pubblico della nuova aerostazione di Fontanarossa, che ha visto sin dal 2007 un notevole incremento del traffico aereo. L’espansione della zona aeroportuale aveva comportato l’occupazione dei terreni utilizzati già all’epoca da singoli, improvvisati parcheggiatori abusivi i quali, vistisi espropriati del “terreno di lavoro”, si sono organizzati in una vera e propria associazione criminale finalizzata alla commissione di truffe in danno di ignari passeggeri in transito e della Società di Gestione Aeroportuale (SAC SpA), incaricata della conduzione delle aree di parcheggio.

Il “modus operandi” adottato era quello di “agganciare” gli ignari automobilisti in transito presso lo scalo aeroportuale, impedendogli di fatto l’accesso ai parcheggi regolamentati dalla SAC e costringendoli a sostare con l’autovettura presso gli stalli di pertinenza dei “Rentalcars” operanti in loco, a loro volta danneggiati.

I malcapitati si trovavano a contrattare il prezzo del servizio con “posteggiatori” difficilmente riconoscibili come abusivi, in quanto dotati per lo scopo di apposite casacche catarifrangenti, molto simili a quelle in uso agli operatori aeroportuali, che rilasciavano delle pseudo-ricevute, ovviamente frutto di un falso materiale.

L’attività illecita, sebbene condotta con grande perizia e abilità dai malfattori, non è sfuggita al controllo dei militari della Stazione Carabinieri Aeroporto i quali, dopo alcune querele presentate da persone truffate, dalle compagnie di autonoleggio e dalla stessa Società di Gestione, hanno avviato una meticolosa attività di riscontro, protrattasi dall’estate del 2010 a quella del 2011, dimostrando,  in ragione della stabilità del vincolo associativo, della disponibilità dei mezzi e della pluralità di condotte reiterate in maniera analoga, l’esistenza di una vera e propria associazione per delinquere finalizzata alla commissione di vari reati, tra i quali le truffe attuate con indebito percepimento di forfettarie tariffe di parcheggio, il furto di autovetture e le intimidazioni poste in essere nei confronti di potenziali clienti che si mostravano riottosi  e seguire le anomale “procedure” indicate dagli abusivi.

Le risultanze investigative, puntualmente riportate, venivano ampiamente condivise dalla Procura della Repubblica di Catania, la quale richiedeva al competente G.I.P. l’emissione delle ordinanze di custodia cautelare eseguite nella nottata odierna, nei confronti di 6 soggetti, dei quali 5 sottoposti a custodia carceraria ed uno agli arresti domiciliari. I soggetti, tutti siciliani, di età tra i 20 e i 40 anni, risultano tutti domiciliati in Catania, in particolare nella zona della città ricompresa tra il Villaggio di Santa Maria Goretti ed il vicino quartiere Librino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Assessore Razza: "Sospetto caso positivo a Catania"

  • Operazione Thor, 23 omicidi di mafia commessi in 20 anni: 23 arresti

  • Giuseppe Torre, torturato e bruciato vivo: dopo 28 anni fatta luce sulla morte di un innocente

  • In arrivo oltre duecento assunzioni all'aeroporto di Catania

  • Mafia, omicidi e lupara bianca: i nomi degli arrestati

  • Musumeci convoca nuovo vertice sul Coronavirus: in arrivo misure precauzionali

Torna su
CataniaToday è in caricamento