Unict: studenti di Giurisprudenza "itineranti" per seguire le lezioni

Potrebbe esser definita una "tradizione" quella che vede le matricole di legge itineranti tra cinema o teatri della città, per seguire le lezioni. A maggio apre il polo didattico di Via Roccaromana

Villa Cerami

“E’ tempo di tasse, ma quanto a servizi, siamo ancora indietro”. E’ questo lo sfogo- unanime- degli studenti della facoltà di Giurisprudenza. Potrebbe esser definita una “tradizione” quella che vede le matricole di Legge itineranti tra cinema o teatri della città, per seguire le lezioni. Il motivo: la mancanza di strutture idonee.

Una soluzione che poteva essere addottata fino a prima del completamento del nuovo polo didattico di Via Roccaromana. Lo scorso novembre, avevamo intervistato i residenti della zona per capire quale sarebbe stato l’impatto dei “nuovi arrivati”- studenti e docenti - quanto al traffico innanzitutto. Per gli aspiranti dottori di Giurisprudenza si trattava di una conquista. Eppure fino ad ieri, la struttura è rimasta chiusa.

Proprio Ieri, però, un comunicato stampa dell'Università di Catania ha assicurato che, a maggio, le porte del nuovo polo saranno aperte.

Diverse sono state le iniziative degli universitari - impegnati in raccolta firme - al fine di permettere agli studenti di usufruire del famigerato- e parecchio discusso, di questi tempi- diritto allo studio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo ampiamente soddisfatti nel leggere una così tempestiva e precisa risposta da parte dell'Ateneo dopo aver sollevato negli scorsi giorni il problema della mancanza di luoghi adeguati ed idonei ad ospitare un'attività didattica di qualsivoglia tipo - ha dichiarato Giuseppe Amato, coordinatore del movimento Fronte Universitario - abbiamo proposto e portato avanti quest'attività della raccolta firme tra i colleghi di primo anno per testimoniare il loro giustificato malcontento e cercare maggiore rapidità nei tempi di consegna del nuovo polo che rappresenterebbe la soluzione finale e definitiva del problema".

Angela Maria Piticchio di Giovani per l'autonomia - Libertas, ha partecipato all’ultimo Consiglio di facoltà dello scorso dicembre e aggiunge che il Preside e il Direttore del Dipartimento avevano assicurato che la consegna delle aule sarebbe avvenuta nella prossima primavera/estate. “La Facoltà ha seguito con impegno e interesse la faccenda,e l’iter non è mai stato bloccato. E’ un progetto che si discute da almeno 6/7 anni: le aule,già a dicembre,erano davvero complete,mancavano solo le ultime autorizzazioni,alle quali sarebbe seguito un bando di partecipazione alle ditte per completare con gli arredi pertinenti alla struttura-banchi,sedie e quant’altro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e i furti in abitazioni: undici le persone arrestate

  • Scattano le prime multe da 400 euro per mancanza di mascherina

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Coronavirus, anche oggi nessun decesso: a Catania zero nuovi contagi

  • Ikea, nuovi orari di apertura per lo store di Catania

  • Amazon annuncia l’apertura di un nuovo deposito di smistamento a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento