Giurisprudenza, tirocinio anticipato per l'accesso alla professione forense

La convenzione è stata siglata dal rettore Francesco Basile e dal presidente dell’Ordine degli avvocati Maurizio Magnano di San Lio

I laureandi del corso di laurea magistrale in Giurisprudenza potranno anticipare nell’ultimo anno di studi il tirocinio per l’accesso alla professione forense per un periodo di sei mesi. È quanto prevede la convenzione stipulata oggi pomeriggio, nel Palazzo centrale dell’Università di Catania, dal rettore Francesco Basile e dal presidente dell’Ordine degli avvocati di Catania Maurizio Magnano di San Lio. Presenti alla firma il direttore del dipartimento di Giurisprudenza, prof. Roberto Pennisi, e delle coordinatrici della Commissione di studio Problematiche giovani Avvocati dell’Ordine degli avvocati Viviana Sidoti, Lucia Spampinato e Denise Caruso.

“Il documento sottoscritto oggi, stipulato sulla base di una convenzione quadro tra il Consiglio nazionale Forense e la Conferenza nazionale dei Direttori di Giurisprudenza, disciplina l’anticipazione di un semestre di tirocinio per l’accesso alla professione forense nell’ultimo anno del corso di laurea in Giurisprudenza” ha spiegato il prof. Pennisi.

“La convenzione consentirà ai nostri studenti di abbreviare i tempi del percorso formativo e di conseguenza potrà entrare prima nel mondo del lavoro” ha evidenziato il rettore Francesco Basile sottolineando “la qualità della formazione nel dipartimento di Giurisprudenza etneo che occupa la prima posizione nella classifica stilata dall’Anvur dei dipartimenti di eccellenza”. “Il nostro Ateneo da tempo è impegnato nel favorire i rapporti tra mondo accademico e mondo del lavoro e in questo contesto la convenzione rappresenta il primo tassello di future collaborazioni con l’Ordine degli Avvocati” ha concluso il rettore.

“La convenzione costituisce un importante strumento di perfezionamento e rafforzamento del percorso di formazione del giurista perché integra gli studi teorici con le applicazioni pratiche oltre al progressivo inserimento professionale dello studente – ha spiegato l’avv. Maurizio Magnano di San Lio -. L’ordine degli avvocati etneo, quinto in Italia per iscrizioni con oltre 5.500 associati, punta molto sulla formazione e non a caso stiamo lavorando per una collaborazione tra la Scuola forense e la Scuola di Specializzazione per le Professioni legali”. Grazie alla convenzione lo studente che, prima della laurea, volesse usufruire di questa possibilità dovrà presentare un progetto formativo da realizzare sotto la supervisione di un tutor accademico e del professionista “ospitante”. Potranno fruire dell’anticipazione di un semestre di tirocinio nel corso degli studi universitari e prima del conseguimento del diploma di laurea, gli studenti in regola con lo svolgimento degli esami di profitto dei primi quattro anni del corso di laurea e in possesso dei crediti nei settori scientifico-disciplinari di Diritto privato, Diritto processuale civile, Diritto penale, Diritto processuale penale, Diritto amministrativo, Diritto costituzionale e Diritto dell’Unione europea.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cannizzaro, ricoverate in terapia intensiva le due ragazze catanesi ferite in Kenya

  • Cronaca

    Nasconde armi e droga in casa: arrestato figlio di un esponente dei Santapaola

  • Cronaca

    Oda, Ugl: "Ricevuto un milione di euro dall'Asp, ma mancano due stipendi"

  • Cronaca

    Viale Castagnola, si alternano per vendere la droga: 4 arrestati

I più letti della settimana

  • Tragedia a Paternò, sterminata famiglia con due bambini piccoli: ipotesi omicidio-suicidio

  • Tragedia a Paternò, uccide la moglie e i due figli: poi si suicida

  • Incidente mortale a Piano Tavola, perde la vita un 27enne di Paternò

  • Forte esplosione a Librino, in una palazzina di viale Nitta: intervento dei vigili del fuoco

  • Laura e Mary vittime di un incidente in Kenya, al via una raccolta fondi

  • Famiglia sterminata a Paternò, la Procura di Catania ha aperto un'inchiesta

Torna su
CataniaToday è in caricamento