Università, Suriano (M5S): "Cambiare il sistema di reclutamento"

All'incontro organizzato dai pentastellati ha partecipato il ricercatore Giambattista Sciré rappresentante dell'associazione Trasparenza e Merito

Si è tenuto ieri pomeriggio, sabato 8 febbraio, nel Cortile di Platamone a Catania, un incontro del MoVimento 5 Stelle dedicato all’Università e organizzato dalla deputata Simona Suriano. Presenti l'eurodeputato Dino Giarrusso, il deputato Marco Bella e il ricercatore Giambattista Sciré. Quest'ultimo, rappresentante dell'associazione Trasparenza e Merito, ha raccontato la storia del concorso universitario falsato che ha denunciato e che ha portato la giustizia amministrativa e penale a riconoscere la fondatezza dei suoi ricorsi. “Quella per l’Università trasparente è una delle battaglie storiche del Movimento 5 Stelle – ha spiegato Simona Suriano –: abbiamo scelto Catania perché l’ateneo qui ha rappresentato la cartina al tornasole di tutti i problemi che attanagliano la città: ingerenza della politica nella cosa pubblica, concorsi pilotati, trame oscure, sprechi e mala gestione. Un quadro a tinte fosche in cui a pagare sono stati, come sempre, gli anelli deboli della catena: i precari della ricerca, gli studenti, i docenti marginalizzati, il personale amministrativo che non si è piegato a certe logiche” prosegue la deputata. “Adesso dalle macerie occorre ricostruire: l'ateneo registra un calo impressionante degli iscritti. Catania deve tornare ad essere attrattiva per qualità e servizi. Noi ci siamo sempre stati e ci saremo per vigilare e proporre. Abbiamo denunciato lo scandalo della docenza assegnata a Licandro, ex assessore della giunta Bianco, abbiamo denunciato la gestione opaca dei dipartimenti, abbiamo denunciato la recente nomina – con profili di incompatibilità – dell'ex europarlamentare Giovanni La Via a direttore generale. Oltre queste denunce, però, vorremmo risposte chiare dalla governance dell'ateneo per capire qual è il progetto”.

L'eurodeputato Dino Giarrusso è intervenuto sottolineando l'incredibile vicenda del ricercatore Giambattista Sciré, “degna di un romanzo di Cechov”, e ha tracciato le coordinate secondo le quali l'ateneo catanese può ripartire: “Catania è una Università importante che ha ottenuto, nel campo della ricerca, grandi risultati a livello nazionale e internazionale. Questi grandi obiettivi raggiunti devono diventare esempio virtuoso per tutti. Invece sinora si è preferito puntare su altre logiche piuttosto che sul merito: è stato come una sorta di circolo di bridge”. “La giustizia adesso farà il suo corso – ha aggiunto Giarrusso –: non siamo qui per gettare fango ma per proporre e aiutare l'ateneo a ripartire. Certamente commissariare l'università di Catania dopo l'inchiesta giudiziaria sarebbe stata una scelta simbolica importante”. Per quanto concerne la selezione del personale dentro l'università Giarrusso ha aggiunto: “Proprio sul reclutamento dei ricercatori vi è, a livello nazionale, un sistema distorto e particolarmente complesso da riformare: per questo l'obiettivo è incidere affinché si possa garantire equità e trasparenza”. Il ricercatore Giambattista Sciré ha raccontato la storia del concorso falsato di cui è stato vittima: “Una vicenda incredibile che mi ha visto combattere per anni tra denunce pubbliche, tribunali e sentenze. In un concorso per ricercatore in Storia mi ha sopravanzato una persona laureata in Architettura. La giustizia poi è arrivata, ma il comportamento dell'ateneo di Catania ha distrutto la mia carriera accademica e purtroppo non è un caso isolato. A Catania, così come in altre realtà, bandire concorsi ‘predeterminati’ è la prassi. Per questo con l'associazione Trasparenza e Merito abbiamo proposto una serie di correttivi per cambiare l'università, introducendo regole differenti per il reclutamento, pensando anche a una diretta streaming di tutte le fasi di selezione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ha concluso Marco Bella, parlamentare del MoVimento e docente universitario alla Sapienza: “Ci sono miriadi di storie tristi di ragazzi esclusi ingiustamente e prevaricati da un sistema. Occorre in ogni caso modificare la modalità di reclutamento. In Italia il problema non è tanto il familismo ma il familismo scientifico, ovvero cominciare con un professore e seguirlo in tutti i gradi universitari. All’estero non funziona così e dobbiamo capire se le regole che vi sono siano sufficienti oppure se ne servono di nuove e più stringenti. Occorre tempo per lavorarci. A ciò si aggiunge la devastazione dei precedenti governi, con tagli che hanno penalizzato soprattutto gli atenei del Sud, e che in generale hanno mortificato ricerca e qualità del mondo universitario. In Parlamento stiamo lavorando per invertire la rotta, sia in termini di maggiori risorse sia in termini di trasparenza e reale riconoscimento del merito nel reclutamento”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Acqua: quando berla per dimagrire

  • Via Capo Passero, agguato a un 33enne gambizzato davanti casa

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

  • Picanello, scoperto deposito per il riciclaggio di auto rubate: 4 arresti

  • Svaligiano casa dei futuri sposi: denunciati i vicini

  • Ritrovato al Maas lo squalo Mako: denunciato il commerciante

Torna su
CataniaToday è in caricamento