Viale Tirreno al buio da due settimane, i residenti chiedono interventi

Viale Tirreno e via Salanitro sono completamente al buio per via di un incidente che ha danneggiato la centralina

Da quasi due settimane il viale Tirreno e la vicina via Salanitro, nel quartiere di Trappeto Nord a Catania, sono completamente al buio: un problema ricorrente, questa volta dovuto ad un incidente che ha danneggiato la centralina di zona. Il comitato Romolo Murri, attraverso il suo presidente Vincenzo Parisi, chiede che il problema venga definitivamente risolto nei prossimi giorni."I residenti del quartiere non possono certo metterci una pezza con le luci dei propri cellulari o con quello delle abitazioni. In piena stagione autunnale già dal tardo pomeriggio la zona piomba nella completa oscurità e questo significa visibilità al minimo ed un grosso rischio per tutti i pedoni che devono attraversare la strada. Non solo, occorre tenere in considerazione che ad approfittarsi della totale oscurità del viale Tirreno sono i topi di appartamento che già nei giorni scorsi hanno effettuato un furto in una abitazione della zona".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Catania usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Ikea, nuovi orari di apertura per lo store di Catania

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

  • Coronavirus, in Sicilia si fermano i decessi: 4 nuovi casi a Catania

  • Via Capo Passero, agguato a un 33enne gambizzato davanti casa

  • Duro colpo ai Brunetto: le dinamiche del clan tra estorsioni, minacce e pestaggi

Torna su
CataniaToday è in caricamento