Contro la violenza sulle donne, il Comune dice "No al femminicidio"

"Ferma il Femminicidio" è lo striscione che rimarrà in bella mostra - fino all'8 marzo - sul balcone principale della facciata di Palazzo degli Elefanti. Sindaco: "Noi diamo il nostro contributo a diffondere la conoscenza del fenomeno per contrastarlo meglio"

Fino all'8 marzo, giorno dedicato alle donne, il Comune esporrà sul balcone principale della facciata di Palazzo degli Elefanti, lo striscione “Ferma il Femminicidio - No alla violenza sulle Donne”.

L’iniziativa rientra in una campagna di comunicazione sociale per le Pari Opportunità, alla quale hanno aderito il sindaco Raffaele Stancanelli e l’assessore alle Pari Opportunità Carmencita Santagati.

Lo scopo è quello di sensibilizzare i cittadini al dramma della violenza sulle donne che, ogni anno, miete numerose vittime. L’iniziativa, partita da Catania ed estesa al resto d’Italia, è stata proposta lo scorso mese di novembre dalle rappresentanti del movimento Snoq (Se Non Ora Quando?) e dal gruppo Levoltapagina e ideata da Comunikare.

“La violenza alle donne- ha dichiarato il sindaco Stancanelli- è un problema sociale che tocca tutti da vicino. Le cronache sono purtroppo piene di atti di violenza contro le donne. Noi diamo il nostro contributo a diffondere la conoscenza del fenomeno per contrastarlo meglio, veicolando l’idea che esiste una diversa maniera di aver rispetto dell’altro sesso e per questo avevo preso l’impegno a mantenere ancora esposto lo striscione.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Santapaola-Ercolano, blitz dei carabinieri del Ros: i nomi degli arrestati

  • La spartizione dei soldi del clan Santapaola-Ercolano: "C'è u nanu ca tuppulìa"

  • Aggressione ai poliziotti al "Tondicello", presi gli autori

  • Blitz dei carabinieri del Ros: arresti e sequestro di beni al clan Santapaola-Ercolano

  • Cade lampione su passante mentre allestiscono luci di Natale in via Etnea

  • Poste Italiane cercano portalettere anche a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento