Zafferana etnea, 392 gli edifici inagibili dopo il terremoto di Santo Stefano

Gli immobili agibili, al momento, sono 566, quelli parzialmente agibili 364 e 392 gli edifici inagibili. Il numero degli sfollati si è attestato sulle 501 unità alloggiate negli Hotel

Sono già quasi un centinaio le ordinanze di sgombero firmate dal sindaco di Zafferana Etnea, nonché sub commissario per l’emergenza post terremoto, Alfio Vincenzo Russo che sanciscono l’inagibilità, totale o parziale, degli edifici a seguito dei danni arrecati dal sisma dello scorso 26 dicembre 2018.

I proprietari degli immobili inutilizzabili potranno così attingere al Contributo di Autonoma Sistemazione (Cas) la cui entità varia a seconda del numero che compone il nucleo familiare. Intanto, sono 1.322 i sopralluoghi già eseguiti per la verifica dell’agibilità degli immobili nel territorio zafferanese (soprattutto nelle frazioni maggiormente colpite dal movimento tellurico e cioè Fleri, Poggiofelice e Pisano) a fronte delle 2.289 richieste.

Ne restano da eseguire, quindi, 967 stando al report diramato dal C.O.C. alle ore 19,00 di ieri. Gli immobili agibili, al momento, sono 566, quelli parzialmente agibili 364 e 392 gli edifici inagibili. Il numero degli sfollati si è attestato sulle 501 unità alloggiate negli Hotel di Zafferana Primavera (177), Emmaus (97), Airone (159), B&B Sotto i Pini, Madonna degli Ulivi (47) e Villa Itria (4) di Viagrande, Art Capomulini (3) di Acireale.

La via Vittorio Emanuele, strada principale che attraversa l’abitato di Fleri, resta ancora chiusa per alcune criticità post terremoto non ancora del tutto risolte. E proprio quello della viabilità resta un nodo importante da sciogliere, considerando peraltro la riapertura delle scuole prevista per domani 8 gennaio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tutti pazzi per il "black friday", ecco i negozi a Catania dove trovare sconti e fare affari

  • Fa il giro del mondo e gli rubano la moto a Catania: l'appello per ritrovarla

  • Anoressia sessuale: cause, sintomi e rimedi

  • Scontro frontale tra due auto a Pedara: feriti i conducenti

  • Auto contromano in tangenziale inseguita dalla polizia

  • Ritrovata dai carabinieri la moto rubata al travel blogger messicano

Torna su
CataniaToday è in caricamento