I saldi non decollano, hanno la meglio il "Black Friday" e l'e-commerce

La crescita dell'e-commerce è considerata "negativa" dal 63 per cento dei negozianti siciliani. Con alcune eccezioni. Come a Catania dove per l'83,33 per cento dei negozi la crescente diffusione delle vendite online non rappresenta più un problema

La corsa all'acquisto in Sicilia non c'è stata. Nell'Isola dove la stagione delle vendite sotto costo è scattata all'indomani di Capodanno, il 2 gennaio, in anticipo rispetto al resto del Paese, chi si aspettava una partenza con il 'botto' è rimasto deluso. Complice forse l'effetto 'Black Friday' e le compere natalizie, le file nei negozi sono rimaste un lontano ricordo. 

Uno studio condotto in tempo reale da Confesercenti Sicilia, intervistando un campione di 200 esercenti del settore moda e calzature, fotografa una situazione stagnante. Per il 59 per cento dei negozianti, infatti, le vendite sono uguali a quelle dello scorso anno, per il 13 per cento degli intervistati, invece, sono in calo e solo un 2 per cento considera l'andamento "molto buono".

Una voce flebile confinata, peraltro, solo in due province della Sicilia orientale: Ragusa e Siracusa. Per il resto, il feedback imperante che arriva dai commercianti è quello di "una ripresa quasi inesistente".

La crescita dell'e-commerce è considerata "negativa" dal 63 per cento dei negozianti siciliani. Con alcune eccezioni. Come a Catania dove per l'83,33 per cento dei negozi la crescente diffusione delle vendite online non rappresenta più un problema per l'impresa. A 'drenare' risorse altrimenti destinate ai saldi è anche il Black Friday. O almeno così la pensa il 68 per cento dei commercianti intervistati dal Confesercenti Sicilia. Anche se a guardare i dati delle singole province si scoprono abitudini diverse dei consumatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così se a Messina, per esempio, il giudizio in questo senso è unanime (per il 60 per cento dei neogzianti il venerdì nero ha drenato "molte" risorse, per il restante 40 "abbastanza"), ad Agrigento il 70 per cento considera che non abbia pesato per nulla sugli effetti benefici dei saldi rispetto agli incassi. Sulla stessa lunghezza d'onda anche Catania (66,67 per cento), mentre Palermo è spaccata a metà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Acqua: quando berla per dimagrire

  • Via Capo Passero, agguato a un 33enne gambizzato davanti casa

  • Incidente lungo il viale Mediterraneo: perde la vita un motociclista

  • Spaccio di cocaina, in manette vigile urbano che girava in "Porsche"

  • Svaligiano casa dei futuri sposi: denunciati i vicini

  • Picanello, scoperto deposito per il riciclaggio di auto rubate: 4 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento