mercoledì, 23 aprile 20℃

I numeri dello sciopero nella provincia etnea: 80 % alla StM

10mila a Catania. E' il numero dei partecipanti allo sciopero della Cgil. Lo sciopero ha visto l'adesione in parecchie realtà anche di lavoratori di altre sigle sindacali

Redazione 6 settembre 2011
1

10mila a Catania. E' il numero dei partecipanti allo sciopero della Cgil. Il corteo dello sciopero generale contro la manovra a Catania è stato aperto, simbolicamente, dai ragazzi dell' Udu e dai sindaci di Biancavilla, Pippo Glorioso,  di Linguaglossa, Rosa Maria Vecchio, di San Cono, Nunzio Drago, di Giarre, Teresa Sodano, di Raddusa, Cosimo Marotta, e di  Licodia eubea Nunzio Li Rosi, presidente provinciale dell' Anci. Sono rappresentate tutte le categorie di lavoratori; moltissimi gli studenti- compresi quelli del Movimento studentesco catanese- e i ricercatori, così come i metalmeccanici e i lavoratori del pubblico, i pensionati e gli atipici e tante altre categorie.

Lo sciopero ha visto l'adesione in parecchie realtà anche di lavoratori di altre sigle sindacali. Così, ad esempio, alla St Microelectronics di Catania l'intera Rsu, dunque anche Fim, Uilm e Ugl, ha aderito formalmente alla protesta con un documento. Analogamente alle Acciaierie di Sicilia.

Annuncio promozionale



Alla Stm di Catania le adesioni sono state dell'80% pari a 3.200 scioperanti . E ancora: 42% al comune di Randazzo (Catania), 34% alle imposte dirette di Catania.

Nunzio Li Rosi
lavoratori
scioperi
sindacati

1 Commenti

Feed
  • Avatar di francesco duro

    francesco duro Penso che, la CGIL non debba sostituirsi all'assenza della POLITICA. Deve essere la POLITICA a fare le REGOLE. Alla CGIL va il grande merito di aver fatto confluire tante forze, categorie, MOVIMENTI sociali ed anche partiti POLITICI come la FEDERAZIONE della SINISTRA e SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA' mentre erano veramente sparuti le bandiere del PD! Le REGOLE del gioco non si cambiano con lo SCIOPERO, ma possiamo farlo solo tramite le ELEZIONI di nuove PERSONE alle POLITICHE. Occorre cambiare RADICALMENTE il sistema DITTATORIALE dove delle SINGOLE persone dettano legge, dove il resto dei Parlamentari, o Assessori e Consiglieri siano dei burattini pagati profumatamente, comandati dal Presidente del Consiglio o dal Sindaco. Occorre presentare alla GENTE COMUNE i PROGRAMMI di cosa propongono i PARTITI e la strada, il percorso da fare per raggiungere lo SCOPO. Devo dire che nonostante la buona affluenza di persone io non sono SODDISFATTO. Per Sant'AGATA c'erano in giro molte piu' persone! Lo so noi ce l'abbiamo messa tutta, ma dobbiamo attrezzarci per fare il MIRACOLO a CATANIA come è avvenuto a CAGLIARI con l'elezione di MASSIMO ZEDDA (SEL)

    il 6 settembre del 2011