Wind Jet verso il fallimento: licenziamento di massa per 504 dipendenti

La compagnia aerea etnea rende noto, attraverso una lettera, che è stata aperta una procedura di mobilità. Un licenziamento collettivo di personale per far fronte ad una crisi diventata insostenibile

Dopo la recente notizia che la compagnia aerea Wind Jet è stata comprata dall’Alitalia, l’azienda siciliana si trova a dover affrontare un'altra difficile situazione. Lo fa attraverso una lettera a firma dell’amministratore delegato Stefano Rantuccio e indirizzata ai rappresentanti sindacali, all’ufficio regionale del lavoro e al ministero del lavoro.

La compagnia aerea etnea rende noto, attraverso la lettera, che è stata aperta una procedura di mobilità. Un licenziamento collettivo di personale per far fronte ad una crisi diventata insostenibile. A pagarne le spese saranno 504 dipendenti di cui 442 assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato e 62 a tempo determinato. A loro si sommano un dirigente e cinque collaboratori.

Ecco le parti salienti della lettera firmata Stefano Rantuccio resa nota da Ctzen:

“Nonostante le potenzialità di mercato e la volontà aziendale di affermare la compagnia sul territorio nazionale ed estero, testimoniato dall'aumento dei voli in incremento del 25% dal 2007 al 2011 e dall'acquisizione di nuove tratte, la Wind Jet s.p.a si trova ad oggi ad affrontare una pesantissima situazione di crisi economica.

Le difficoltà economiche della compagnia si inseriscono nella situazione di forte disagio  economico che sta interessando oggi, I'intero settore del trasporto aereo. I risultati registrati negli ultimi tre bilanci d’esercizio della Società testimoniano perdite economiche pesantissime. La Società si vede dunque costretta comunicare la necessità di procedere a un licenziamento collettivo di personale".

Non lasciano spazio ad equivoci ed interpretazioni le parole con cui la compagnia aerea catanese Wind Jet annuncia che la società si vede costretta a comunicare la necessità di procedere a un licenziamento collettivo di personale.

La Cgil ha cercato di rassicurare i 504 lavoratori Wind Jet con la promessa di adoperarsi sia per la salvaguardia dei posti di lavoro sia per la concessione degli eventuali ammortizzatori sociali. La Uil Trasporti Nazionale, invece, avrebbe invitato i dipendenti Wind Jet a richiedere i crediti pregressi all’azienda. Ai lavoratori non sono ancora stati corrisposti gli stipendi di febbraio, marzo e aprile e la tredicesima del 2011.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La lettera si conclude : “Nonostante le profonde ed oggettive difficoltà menzionate, sussiste l’ipotesi di un possibile e parziale recupero del business di Wind Jet, salvando quindi parte della forza lavoro in essa occupata attraverso l’intervento di soggetti terzi del settore, come peraltro reso noto attraverso comunicazioni di stampa”. Un riferimento velato alla recente acquisizione da parte della compagnia Alitalia della Wind Jet, il futuro dei 510 lavoratori sembra essere nelle mani della compagnia di bandiera.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Corsa clandestina, il cavallo cade in un fossato e muore: 16 denunciati

  • "Dammi i soldi o ti spezzo le gambe", arrestato mentre attende la vittima sotto casa

Torna su
CataniaToday è in caricamento