Concerto di Sant’Agata

Tre moschettieri per Sant’Agata. Quest’anno infatti, venerdì 1 febbraio, alle ore 20,30, saliranno sul palcoscenico del Teatro tre giovanissimi musicisti catanesi, tutti provenienti dalle classi dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Vincenzo Bellini” di Catania, quasi in risposta al motto «Giovani, Agata guarda verso di voi», che fa da tema conduttore dell’evento. Tre pagine amatissime dal grande pubblico saranno il banco di prova dei talenti etnei. Ad inaugurare la kermesse sarà il violino di Andrea Timpanaro, allievo di Vito Imperato, spalla dell’orchestra del Bellini. Per l’occasione sarà solista del Concerto per violino e orchestra n. 5 in la maggiore, K 219, di Wolfgang Amadeus Mozart, ultimato il 20 dicembre del 1775, quando il Salisburghese era al servizio del dispotico Principe Arcivescovo Hieronymus Colloredo. Il componimento, l’ultimo di questo genere attribuito all’autore, deve la sua notorietà all’ultimo movimento, un Rondeau in ‘Tempo di Menuetto’, in cui è presente un episodio scritto nello stile ‘alla turca’, particolarmente in voga nell’Europa ancora attraversata dal pericolo delle invasioni ottomane, sgominate dalla Lega Santa dell’esercito cristiano nella battaglia di Lepanto.

Sarà quindi la volta di due eccellenze pianistiche, Daniele Rametta e Nicolò Cafaro. Figlio d’arte, il primo proviene dalla blasonata classe di Epifanio Comis. Ha debuttato al Teatro Massimo Bellini di Catania – e subito dopo a Mosca – come protagonista del “Rachmaninov Youth Project”, eseguendo il Concerto per pianoforte e orchestra del musicista russo. Non minor impegno richiede quello presente nella locandina agatina, in cui figura il Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 in mi bemolle maggiore, S 124, di Franz Liszt. Composto a partire dai primi anni Trenta dell’Ottocento, il brano venne tenuto a battesimo a Weimar soltanto il 17 febbraio del 1855, nel corso di una memorabile serata affidata alla bacchetta di Hector Berlioz, mentre l’autore sedeva al pianoforte per cimentarsi con una prova di impervio virtuosismo solistico: la complessa genesi è in parte dovuta, infatti, alle novità formali introdotte in una struttura in unico movimento, vicina all’impianto di un poema sinfonico.

La chiusura della locandina è affidata al diciottenne Nicolò Cafaro, che ha studiato con Renato Siracusano e che adesso è allievo di Graziella Concas. Sarà nel segno di un’autentica apoteosi la conclusione dell’evento previsto al Bellini, con il celeberrimo Concerto per pianoforte e orchestra n. 1, in mi bemolle minore, op. 23, di Pëtr Il’ič Čajkovskij, composto in Russia nell’inverno del 1875 ma tenuto a battesimo al Music Hall di Boston il 25 ottobre del 1875. Dedicato ad Hans von Bülow, è considerato tra le pagine più alte della letteratura pianistica di tutti i tempi.

A far da ‘padrino’ al concerto, salirà sul podio dell’Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania il messinese Antonino Manuli, che proprio nella sala del Sada è stato varie volte applaudito – nel corso degli ultimi anni tra l’altro in Cassandra di Vittorio Gnecchi (2011), L’Italiana in Algeri di Rossini (2012), Stiffelio di Verdi, in occasione della prima esecuzione catanese (2013), Don Pasquale di Donizetti, titolo inaugurale della stagione lirica 2014, prima di Cavalleria rusticana e Pagliacci; e ancora La bohème (2015) e Manon Lescaut (2017) di Puccini e Rossini Ouvertures (2018). Un omaggio dell’intera Città alla sua Santa, nei giorni di una festa che coinvolge fede, arte e musica. Per l'acquisto dei biglietti cliccare sul seguente link.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Hostel Jazz - Papua Jazz and Bossa

    • solo domani
    • Gratis
    • 20 febbraio 2020
    • A Putia dell'Ostello
  • Hostel Jazz

    • Gratis
    • 27 febbraio 2020
    • A Putia dell'Ostello
  • SundayLive - ACFusion

    • Gratis
    • 23 febbraio 2020
    • A Putia dell'Ostello

I più visti

  • Mostra 'Cina - Arte in movimento e Gauguin'

    • dal 15 novembre 2019 al 31 marzo 2020
    • Palazzo della Cultura
  • Mostra 'Caravaggio Immersive'

    • dal 8 gennaio al 31 marzo 2020
    • Museo Civico Castello Ursino di Catania
  • 'All you can pizza' a 'Le Botti'

    • dal 28 novembre 2019 al 30 aprile 2020
    • Ristorante Le Botti
  • Abbonamenti stagione teatrale Sala De Curtis - 'Il teatro in ogni forma'

    • dal 12 ottobre 2019 al 21 maggio 2020
    • Sala De Curtis
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    CataniaToday è in caricamento