Mimosa D’argento, in ricordo della giovane Claudia Guerrera

L'evento in memoria della ragazza catanese morta di tumore pochi mesi fa si è svolto durante la festa della donna per premiare le persone che si sono distinte per il loro impegno sociale

“Di questo giorno Claudia è profumo e senso” è la frase perfetta per vivere e condividere il significato del premio “Mimosa d’argento”, svoltosi l’8 marzo, in ricordo di Claudia Guerrera, istituito dall’A.D.L.eP. (Associazione Donne Lavoro e Parità) per premiare le persone che si sono distinte per il loro impegno sociale.

L’Associazione, che ha organizzato l’evento presso la Casa generalizia della congregazione delle suore domenicane,ha deciso quest’anno di dedicare la giornata ad una speciale giovane donna.

“Claudia nella sua breve vita ha dimostrato come si può essere sensibili e attivi verso le problematiche sociali, sempre con il sorriso sulle labbra, sensibile alle tematiche delle donne  e del mondo contemporaneo, fiera di essere donna pronta ad aiutare i più deboli mostrando una incommensurabile generosità d’animo” dichiara il Presidente A.D.L.eP. Catania, dott.ssa Floriana Zecchiaroli.

E’ riuscita a trasmettere, nei momenti più difficili, il suo coraggio a chi gli è stato accanto, ai genitori e alla sorella, nel vederli impotenti davanti ad un disegno di vita più grande di loro. L'associazione auspica che la sua esperienza possa essere da esempio a tutti coloro che  soffrono, alle famiglie intrappolate in simili tragedie, ai giovani affinché la propria esistenza sia  proficua al fine di alleviare i mali sociali e delle donne in particolar modo” aggiunge anche il Vicepresidente nazionale A.D.L.eP.Italia e presidente regionale A.N.C.L. Sicilia, dott.ssa Stefania Scoglio, spiegando il motivo che li ha condotti ad una importante scelta come questa.

Durante l’evento  sul tema “le donne tra tradizione, storia e lavoro”, sono state proiettate delle slides che raccontavano chi era Claudia, quali erano le sue passioni, quale il senso che aveva dato alla sua vita, e quindi alla malattia.

Claudia era coraggiosa, invincibile, insaziabile e passionale, amante della vita, anche nell’aspra malattia. Ha creduto con forza negli ideali di giustizia, equità, verità, solidarietà e nei diritti inalienabili dell’uomo; valori della vita che ci ha prepotentemente trasmesso, lasciandoci carichi di una grande energia e pronti a conquistarli” con questa frase dal ricco significato la descrive Laura, la  mamma, ricordando che Claudia facesse parte dell’associazione SMOM onlus, organizzazione non lucrativa di utilità sociale, costituita con lo scopo di promuovere lo sviluppo umano e la salute nel mondo presso Comunità svantaggiate. Tra gli obiettivi dello SMOM onlus, l’emancipazione delle donne, l’alfabetizzazione, l’educazione e l’assistenza sanitaria rientrano nel quadro dei valori in cui Claudia credeva e per i quali combatteva nel suo piccolo.

Anche le cugine Alessandra, Gloria e Carla hanno letto dei pensieri che hanno scritto in ricordo della “piccola e coraggiosa donna”.

Il premio “Mimosa d’argento 2013” è stato consegnato, secondo la valutazione finale della Commissione, alla dott.ssa Marina E.Calderone, presidente C.N.O. Consulenti del lavoro e Presidente Comitato unico Professioni, e alla dott.ssa Marina Florio, Presidente nazionale ANIMA per il sociale nei valori d’impresa. La targa “in ricordo di Claudia”, sulla quale era incisa la frase “L’opera umana più bella è di essere utile al prossimo”, è stata consegnata allo stesso Presidente A.D.L.eP. Catania, dott.ssa Zecchiaroli. All’incontro ha partecipato anche il sindaco Raffaele Stancanelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Studio sul cancro: non ci si ammala per caso o per sfortuna

  • Santapaola-Ercolano, blitz dei carabinieri del Ros: i nomi degli arrestati

  • La digos arresta l'aggressore di Lo Monaco: è un ultras del Catania

  • Aggressione ai poliziotti al "Tondicello", presi gli autori

  • Blitz dei carabinieri del Ros: arresti e sequestro di beni al clan Santapaola-Ercolano

  • La spartizione dei soldi del clan Santapaola-Ercolano: "C'è u nanu ca tuppulìa"

Torna su
CataniaToday è in caricamento