Serate Chic 2012 - Le affinità elettive

Serate Chic - Le affinità elettive: Taormina unisce l'Italia a tavola. Lo chef Marco Sacco presenta il suo "scambio di battute". Cartabellotta: "La Sicilia, terra di raccordo tra le identità locali"

Una sintesi di gusti e tradizioni che unisce l’Italia a tavola: tornano in grande stile le Serate Chic a Taormina. Lunedì 9 e martedì 10 luglio, per il terzo anno consecutivo, nella suggestiva cornice della terrazza a mare del Grand Hotel Atlantis Bay, sarà di scena il circuito di cene dei cuochi di Chic. Taormina, dunque, è di nuovo la sede dell’evento, dal tema “Le affinità elettive”, che l’associazione Chic (Charming Italian Chef) propone agli appassionati gourmet che si trovano in Sicilia.

I cuochi Chic hanno studiato per l’occasione un menù ricco di novità e raffinatezze e offrono l’opportunità di degustare, nell’ambito di due serate, piatti delle diverse tradizioni delle cucine regionali italiane con i vini, oli e pescato siciliani in abbinamento a fare da comune denominatore. In particolare la cena di lunedì 9 sarà di avvicinamento alla serata successiva: “La Sicilia incontra i prodotti di altri territori” a cura dello chef Franco Raneri presso il Grand Hotel Mazzarò Sea Palace con un focus su olio ligure e oli siciliani e verticale di Nero d’Avola.

Grande l’attesa per i piatti in menu. Particolarmente suggestivo è quanto anticipato da Marco Sacco, due stelle Michelin, chef del Piccolo Lago di Verbania e nuovo presidente di Chic fresco di nomina. «Per questo evento particolare – rivela Sacco – porto uno dei miei piatti estivi collegato alla Sicilia. Si chiama “scambio di battute”, ed è oltre a un invenzione gastronomica anche un gioco di parole, poiché in Piemonte la battuta è una combinazione di carne al coltello. In questo caso lo scambio sarà tra Piemonte, mia terra di provenienza, e Sicilia: tra fassone, tipica carne del Piemonte, e tonno siciliano battuti al coltello. Con un elemento di complemento anche negli abbinamenti: salse di terra sul pesce e salse di mare sulla carne».

Marco Sacco-3

Prendere per la gola i partecipanti è la caratteristica principale delle serate. Una tendenza confermata anche da Riccardo Agostini, chef de Il Piastrino di Pennabilli, che giunge a Taormina con due novità. «Il primo piatto – dice – è un’oliva all’ascolana rivisitata, con una testina di maiale croccante, con centrifuga di sedano e mela verde. Per questa portata traggo spunto dalla zona in cui abito, al confine tra le Marche e l’Emilia. Il secondo piatto, invece, tiene conto delle specialità della Sicilia e dei prodotti locali: si tratta di un trancio di ricciola cotto con crema ai formaggi. Una piccola provocazione, perché l’abbinamento può sembrare inappropriato. Ma il risultato, è garantito, sarà molto buono».

Riccardo-Agostini-il-Piastrino_ph_f_liverani-2

Le Serate Chic hanno un contenuto valoriale che passa dalla tavola, ma è destinato ad andare oltre. Dario Cartabellotta, dirigente generale dell’ Ass.to Regionale Risorse Agricole ed Alimentari Dipartimento degli Interventi Infrastrutturali sostiene, che la manifestazione del 9 e 10 luglio rappresenta «un’occasione per ribadire la relazione tra cucina italiana, vini e oli siciliani. In occasione di queste “Affinità elettive” sarà possibile sperimentare abbinamenti: anche sotto questo profilo la Sicilia si conferma una terra che è comunità e che al tempo stesso funge da elemento di raccordo con altre identità locali».
Valorizzare le identità locali significa, per la Sicilia, mettere in risalto i suoi vini ma non solo.

Lo chef Pietro D’Agostino, parlando dello spirito della manifestazione, spiega che: «L’edizione 2012 delle Serate Chic, quest’anno dal tema “Le affinità elettive”, si inaugura sotto il segno della mondanità. Queste serate le abbiamo immaginate così, nel solco della diversità, volendo offrire un momento di allegria e novità sul piano enogastronomico, e quindi tutto il contrario della monotonia. Avremo ancora una volta grandi ospiti, dai ristoratori agli albergatori, e qualche sorpresa. Abbiamo coinvolto grandi sponsor, tra questi Marina Yacthing, marchio di grande fama e affidabilità. E non mancherà qualche innovazione rispetto alle due precedenti edizioni. Ad esempio, a differenza dello scorso anno, non ci baseremo sulla scelta del finger food, ma offriremo una cena al tavolo, con gli ospiti seduti e serviti a partire dagli apertivi. Un’opzione che abbiamo ritenuto molto più originale. Il tutto, come sempre, con i vini  siciliani a fare da sfondo a una cena che vedrà protagonista un’alternanza di carni, di pesce e altro ancora. Ci saranno anche delle novità come la degustazione dell’olio ligure, e un confronto amichevole con l’olio siciliano. Non cambierà, invece, il fantastico scenario della piattaforma a mare del Gran Hotel Atlantis Bay, la “baia delle sirene” che offre una meravigliosa visuale su tutta la costa di Taormina».

 

pietro_d_agostino-2
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La spartizione dei soldi del clan Santapaola-Ercolano: "C'è u nanu ca tuppulìa"

  • Aggressione ai poliziotti al "Tondicello", presi gli autori

  • Librino, in 40 aggrediscono due agenti che tentavano di fermare una moto senza targa

  • Tentato omicidio a Palagonia, coltellate e spari dopo una lite: un ferito

  • Cannizzaro, paziente ringrazia chirurghi e infermieri regalando 10 televisori al reparto

  • Poste Italiane cercano portalettere anche a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento