Zo Centro Culture Contemporanee

Zo è un Centro per le arti e le culture contemporanee; uno spazio per la programmazione e la produzione nell’ambito della musica, delle arti performative ed elettroniche, della scrittura e delle arti visive. Il Centro nasce a Catania, città ricca di fermenti culturali e posizionata nel cuore del Mediterraneo, ponendosi come obiettivo quello di sviluppare scambi culturali, attraverso partnership e co-produzioni, con strutture e istituzioni culturali del panorama internazionale, con una particolare attenzione all’area euromediterranea. Nel rapporto con il territorio, Zo si propone al pubblico come luogo di riferimento per un’offerta culturale innovativa e sostiene produttivamente gli artisti locali. La sede del Centro Culturale Zo, sita in Piazzale Asia 6 a Catania, è una ex raffineria di zolfo che fa parte di un insieme di edifici industriali risalenti al secolo scorso, da qualche anno riqualificati e destinati ad altro uso. Finanziato da Sviluppo Italia con i fondi della Legge 236 per l’imprenditorialità giovanile (che incentiva il ripristino e la fruizione di beni culturali) il centro culture contemporanee Zo viene fondato dalla cooperativa Officine, costituita nell’anno 1997 da un gruppo di giovani operatori culturali catanesi. Dopo una gestazione durata circa quattro anni, durante la quale sono state avviate trattative con il Comune di Catania (ente proprietario dell’immobile) e con IG (ente finanziatore, oggi sotto il nome di Sviluppo Italia), il Centro è oggi gestito dall'Associazione Culturale Zo. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dimentica il figlio in auto alla Cittadella, muore bimbo di 2 anni

  • 8 cibi che non dovrebbero essere dati ai bambini

  • Traffico di droga, nel mirino i clan Cappello-Bonaccorsi e Cursoti Milanesi: 40 arresti

  • Traffico di droga pilotato dai clan, 40 arresti: i nomi

  • Incidente stradale, auto si ribalta in tangenziale: conducente bloccato all'interno

  • Ripuliscono il conto corrente di una pensionata: 3 denunciati, tra loro una donna

Torna su
CataniaToday è in caricamento