Aci Castello, i consiglieri di opposizione: "Bando per i nuovi posteggi di vendita fuori legge"

Gli esponenti consiliari ritengono illegittimo il provvedimento per l'assegnazione dei nuovi posteggi di vendita e chiedono al primo cittadino di rimuovere le anomalie

I consiglieri comunali di opposizione di Aci Castello hanno inviato ieri un'interrogazione, al sindaco Carmelo Scandurra ed all'assessore al commercio Orazio Sciacca, per chiedere se l'amministrazione comunale ritiene illegittimo il bando per l'assegnazione dei nuovi posteggi di vendita e quali misure intende adottare per rimuovere la potenziale anomalia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Dopo aver visto pubblicato l'avviso, lo scorso 29 gennaio, siamo rimasti basiti considerato che ancora oggi nè la delibera di Consiglio comunale del 17 gennaio, con la quale è stato approvato il regolamento, nè il testo regolamentare stesso sono entrati in vigore - dicono Ezia Carbone, Giorgio Sabella, Salvo Tosto, Massimo Papalia, Turi Bonaccorso e Luca Libertino. Nel primo caso, infatti, manca l'approvazione dell'immediata esecuzione motivo per cui l'atto deliberativo diventa efficace dopo 10 giorni dalla sua pubblicazione datata 21 gennaio. Invece nel secondo l'articolo 19 del regolamento prevede l'entrata in vigore della normativa comunale il sedicesimo giorno successivo alla pubblicazione. E quindi - incalzano i consiglieri - il bando che si chiude il 5 febbraio non è valido, a nostro avviso, rischiando di inficiare anche l'intera procedura di destinazione dei posti con relativo danno per i partecipanti. Abbiamo contrastato sin dall'inizio questa delibera perchè, in particolare in piazza Sciuti a Cannizzaro, le nuove disposizioni andranno a rubare spazio ai nostri cittadini che già ne hanno poco.  Fino ad oggi però abbiamo visto di tutto, ma cose del genere non riuscivamo neanche ad immaginarle e, adesso, ci auguriamo che il sindaco batta un colpo e faccia rientrare tutto nei ranghi della legalità", concludono gli esponenti consiliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

  • Incidente stradale a Giarre, investito mentre attraversa la strada: muore nella notte

Torna su
CataniaToday è in caricamento