Fabio Cantarella contro il "baby pride" a Catania: "E' inopportuno"

L’iniziativa per bambini si è tenuta nella sede della Cgil nel contesto del Pride catanese

“Conosco eccellenti programmi didattici sull’educazione alle differenze ma non ho mai visto drag queen leggere fiabe a bambini. Francamente mi sembra che questa volta gli organizzatori del Pride etneo abbiano esagerato”. Lo afferma Fabio Cantarella, assessore alla sicurezza del Comune di Catania e responsabile enti locali della Lega in Sicilia, commentando l’iniziativa per bambini tenutasi nella sede della Cgil nel contesto del Pride catanese.

“Sono fermamente convinto - continua Cantarella - che i bambini debbano essere lasciati liberi dai condizionamenti ideologici e soprattutto che debbano essere educati dai genitori e da chi ha le professionalità adeguate e riconosciute. Iniziative come il cosiddetto ‘baby Pride’ mi sembrano iniziative totalmente inopportune. Giù le mani dai bambini! Solleciterò i parlamentari della Lega a prendere iniziative adeguate per proteggere i nostri bambini da questo tipo di avventurismi educativi”, conclude il responsabile del Carroccio in Sicilia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Premiate le 14 migliori pizze della Sicilia orientale

  • Dimentica di inserire il freno a mano, muore schiacciata dalla sua auto

  • Vedono la polizia e scappano a 150 chilometri orari, arrestati

  • Cinque arancini gourmet: le ricette della quinta edizione di Chicchi riso e uva di Sicilia

  • Incidente stradale a Zia Lisa, scontro tra auto e scooter: muore un ragazzo 21 anni

  • Auto rubate, la polizia scopre centrale di smantellamento: 4 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento