Dissesto, parlamentari M5S chiedono al Governo un fondo per Catania

Dopo le polemiche seguite alle parole del senatore Giarrusso i grillini hanno chiesto al vice ministro all'Economia aiuti per la città

Le polemiche roventi degli ultimi giorni seguite alle parole del senatore pentastellato Mario Giarrusso hanno lasciato il segno. Tante le reazioni della politica locale e i parlamentari etnei hanno deciso di dare un segnale. Con una nota diramata nella serata di ieri hanno annunciato la richiesta, al vice ministro Laura Castelli, di istituire un fondo per i comuni metropolitani in dissesto.

"Laura Castelli si è impegnata a trovare in ogni modo le risorse per il fondo richiesto, in tempi rapidissimi così da far fronte quantomeno alle emergenze più immediate da affrontare", recita il comunicato stampa firmato da tutti i deputati e senatori grillini etnei.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tempo stringe per la città. Dopo l'approvazione, in commissione bilancio dell'Ars, dell'emendamento per garantire la liquidità per il pagamento degli stipendi adesso è il Comune attende le risposte della politica nazionale: già alcuni servizi per i disabili sono stati sospesi e andando avanti così la mannaia si abbatterà su altri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scattano le prime multe da 400 euro per mancanza di mascherina

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Coronavirus, anche oggi nessun decesso: a Catania zero nuovi contagi

  • Ikea, nuovi orari di apertura per lo store di Catania

  • Pensioni d’invalidità con la compiacenza di medici dell’Asp: sei misure cautelari

  • Coronavirus, in Sicilia si fermano i decessi: 4 nuovi casi a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento